Campo da calcio alla Guardia

QUANDO GLI ESSERI UMANI

VIVONO IN CONDIZIONI PIETOSE
Nessuno intendeva definire gli zingari «bestie», ma l’articolo pubblicato nell’edizione di ieri dal titolo «I dipietristi: gli zingari come bestie» voleva semplicemente affermare che certe condizioni di vita possono far pensare che esseri umani vivano in condizioni pietose. Lo chiarisce Carmen Patrizia Muratore, capogruppo dell’Italia Dei Valori. «I concetti da noi espressi - afferma la Muratore - andavano nella direzione che alla pari dei diritti di accoglienza di chi è fuori patria e cerca la speranza, stanno i diritti dei cittadini, di qualunque razza o colore, che vivono ed operano pacificamente su un territorio, e che tali diritti vanno difesi dall'oltraggio alle regole che arrivano da chiunque, siano essi zingari, rumeni, extracomunitari o volgarissimi delinquenti di razza italica, e questo a tutela di chiunque, lo ribadiamo, cittadino italiano o extracomunitario che sia, voglia vivere e lavorare in pace»