A Campo de’ Fiori maggiori controlli nel fine settimana

A partire da questo fine settimana a Campo de’ Fiori ci sarà una presenza «consistente» di forze dell’ordine per vigilare sulla sicurezza di abitanti e turisti della zona. Polizia, carabinieri, Guardia di Finanza e vigili urbani saranno dispiegati «in misura analoga a quelli che per tutta l’estate hanno controllato una delle più importanti piazze del centro storico romano dove, recentemente, si sono registrati veri e propri episodi di teppismo contro le forze dell’ordine».
La decisione è stata presa ieri sera nel corso della riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che non ha escluso, in un futuro anche prossimo, di riattivare l’ordinanza, adottata sempre la scorsa estate, e che vietava le bottiglie di vetro in tutta la piazza.
Al comitato provinciale, presieduto dal prefetto Achille Serra, hanno partecipato i rappresentanti delle forze dell’ordine e gli assessori alla sicurezza di Provincia e Comune. La decisione di un maggior controllo di Campo de’ Fiori, ha spiegato il prefetto Serra, «si è resa necessaria visto che una decina di giorni fa vi sono state intemperanze da stadio con gesti di arroganza e prevaricazione che sono inconcepibili».
Questo week-end sarà quindi una sorta di banco di prova per capire se durante le feste natalizie basterà semplicemente un presidio maggiore o sarà necessario invece adottare nuovamente l’ordinanza che vietava la vendita delle bottiglie in vetro.
«Grazie al prefetto Achille Serra per la fiducia accordata ai commercianti di Campo de’ Fiori - dichiara soddisfatto il presidente della Fiepet-Confesercenti, Liborio Pepi -. Nel fine settimana noi continueremo a raccogliere tutte le bottiglie che vengono abbandonate sulla piazza lasciandola pulita alle 2 di notte, cioè alla chiusura dei nostri locali». Ma Pepi ammonisce anche: «naturalmente non ci riteniamo responsabili per quegli esercizi che oltre le 2, in modo abusivo, somministrano alimenti e vendono bevande in bottiglie».
Sempre in tema di disordini in centro, tra l’8 e il 10 novembre, i vigili urbani hanno emesso oltre 400 contravvenzioni per divieto di sosta e circa 280 per transito in zone pedonali o vietate al traffico in centro storico. Solo ieri le multe per questi due tipi di violazioni sono state rispettivamente 70-80 e 60-70. Lo ha reso noto il comandante del Git, Carlo Buttarelli, commentando con soddisfazione i risultati della task force della polizia municipale in azione da qualche giorno nel centro storico della Capitale.
«In particolare - ha spiegato Buttarelli - stiamo presidiando via del Corso e via Tomacelli e anche oggi, nonostante l’istituzione di alcuni servizi di scorta non previsti, abbiamo avuto risultati decisamente positivi».