Al campo San Dionigi Sequestrato rame rubato. De Corato: «Abbatteremo le baracche»

Tre furgoncini rubati, un’auto, 200 batterie di automobili e una tonnellata di rame, già ripulito e pronto da riutilizzare. È quanto hanno trovato gli agenti del comando di zona 4 della polizia municipale tra le baracche del campo rom di via San Dionigi. Un campo abusivo, dove vivono circa quindici rom. Nell’area i vigili sono intervenuti dopo un incendio scaturito a causa della bruciatura di matasse di rame per la sguainatura. Tutti il materiale trovato risulta rubato.
Immediata la reazione del vicesindaco Riccardo De Corato, che sul campo di San Dionigi si è pronunciato già numerose volte: «Non appena sarà inoltrata dalla proprietà la querela per occupazione abusiva, provvederemo all’abbattimento delle baracche. Il fatto che l’area sia occupata da rom che vivono di furti e causano pericoli e inquinamento, provocando incendi, non è tollerabile».
Riprendendo quanto detto dal prefetto Gian Valerio Lombardi, De Corato annuncia che proseguirà «l’azione costante di moral suasion effettuata dalla polizia municipale e dalle forze dell’ordine, grazie alla quale almeno un migliaio di rom sono tornati in Romania». A breve ci sarà anche l’operazione di riqualificazione dell’area dell’ex Marchiondi: «L’intervento - aggiunge De Corato - come ha detto il commissario straordinario, è ormai imminente».