An con Campodonico Ecco i nomi della lista

Rapallo, al via la seconda squadra a sostegno del candidato sindaco Mentore Campodonico. Ieri, al Gran Caffè Rapallo, il gruppo di An che sostiene Campodonico insieme a Forza Italia, Lega Nord, Udc, Il Gabbiano, lista Biasotti, Noi per Rapallo e Pensionati, ha presentato la sua lista di venti candidati alla poltrona di consigliere comunale alla presenza del neo segretario provinciale Gianfranco Gadolla, del capogruppo di An in Regione Gianni Plinio e del senatore Altero Matteoli, ministro dell’Ambiente nel Governo Berlusconi. Capolista di An a Rapallo si è presentato uno dei nomi più conosciuti nella cittadina del Tigullio, Giovanni Arena, consigliere comunale dal 1985 e più volte assessore alla Cultura. Altre riproposte sono Giuseppe D'Asta e Umberto Amoretti. I restanti sono tutte new entry: Francesco Caglia, Alberto Cavallini, Roberto Cozzi, Cristina D'Alonzo, Oriana De Luise, Gerolamo Ferretti, Daniel Gardella, Alessandra Giovannoni, Giuseppe Lebano, Mario Leporatti, Rossella Maccaronio, Maurizio Queirolo, Patrizia Russo, Paolo Tabò, Giorgio Tasso, Giancarlo Valle e Vincenzo Vitigno.
«Rapallo ha passato un periodo se non buio, grigio», ha esordito Gadolla - con riferimento all'amministrazione uscente - che ha aggiunto: «A Rapallo abbiamo due fortune. La prima è che abbiamo trovato un candidato sindaco eccezionale, sia dal punto di vista professionale, sia da quello umano. La seconda è che il centrodestra si presenta unito». Una unione, ha specificato Campodonico, «che si è realizzata fin dall'inizio della campagna elettorale, sono stato il primo candidato sindaco d'Italia ad essere nominato». E se a Plinio va il compito di spronare la squadra («un grazie a tutti voi che fate parte di quegli italiani migliori che hanno deciso di tenere alto il nome dell'Italia e combattere i comunisti»), Matteoli non ha dubbi, sull'esito delle elezioni: «Rapallo è una città che vive e pensa in grande e quindi non è possibile che salga un governo di sinistra. Sarebbe in contrasto con lo spirito della città».