Camusso e il complimento a sua insaputa: "Renzi ha la mente come la Thatcher"

Sinistra in fibrillazione per difendere l'articolo 18. La Camusso accusa Renzi di avere in mente il modello della Thatcher. Ce lo auguriamo proprio. E non soltanto per la riforma del lavoro. Perché senza una riforma liberale l'Italia non potrà rialzare la testa

"Mi sembra che il presidente del consiglio abbia un po' troppo in mente il modello della Thatcher". Manco se ne accorge Susanna Camusso di fargli un complimento. Paragonare Matteo Renzi a Margaret Thatcher non è certo un insulto. Almeno non per il premier italiano, semmai un affronto alla memoria della Lady di Ferro che, oltre a guidare il partito conservatore dal 1975 al 1990, fece rialzare la testa agli inglesi riformando l'intero comparto economico e liberalizzando il mercato del lavoro. Soltanto grazie alle politiche avviate sin dal primo mandato, la Baronessa di Kesteven rovesciò il declino economico che da decenni metteva in ginocchio il Regno Unito per restituire al Paese un importante ruolo nel panorama internazionale.

Se a Renzi dovesse mai riuscire di fare la metà delle riforme della Thatcher, potrebbe considerarsi a ragion veduta un ottimo politico. Oserei dire uno statista. Un'ottima occasione per dimostrare che coi bizantinismi della Cgil e i niet della sinistra radicale non ha più nulla a che fare potrebbe essere la riforma del lavoro e, in particolar modo, la modifica o (ancor meglio) la cancellazione dell'articolo 18. Già mettendolo in discussione il presidente del Consiglio ha rotto un tabù. Non solo. Alla prova dei fatti, ieri è passata la delega del ministro Giuliano Poletti nonostante contenga l'emendamento del governo che introduce il contratto di lavoro a tutele crescenti, cioè un regime che non prevede il reintegro dei lavoratori licenziati per i quali una sentenza non riconosca la giusta causa. In attesa che il testo approdi in Aula, la Camusso è già salita in cattedra per annunciare ogni forma di mobilitazione possibile pur di far cambiare idea a Renzi. "Non stiamo difendendo noi stessi - ha tuonato durante l’inaugurazione della nuova sede del sindacato a Milano - chi vorrebbe cancellare l’articolo 18 sta cancellando la libertà dei lavoratori".

La Cgil non è l'unica a fare la fronda a Renzi. Sebbene gli otto membri del Pd in commissione Lavoro abbiano votato tutti a favore del ddl delega, non è bastato perchè si placassero i malumori in casa Pd. Tanto che il presidente dell’assemblea nazionale Matteo Orfini ha subito chiesto "importanti correzioni" al testo. A inveire maggiormente, però, è Pier Luigi Bersani. Rinfacciano tutti al premier di continuità col governo Berlusconi, di far passare riforme di destra. La Camusso ha addirittura ravvisato analogie col modello della Thatcher. Analogie che risiederebbero "nell’idea delle politiche liberiste estreme, nell’idea che è la riduzione dei diritti dei lavoratori lo strumento che permette di competere". Secondo il segretario della Cgil è "il rovesciamento dei fattori che ricorda la stagione del liberismo le cui conseguenze l’Europa paga tutt’ora continuando a essere prigioniera di una linea di austerità che non ha risolto la crisi in nessun Paese".

Renzi non deve affatto prendersela. Quello della Camusso è un complimento. Una tirata d'orecchie di cui andare fiero. Anzi, la speranza è che il premier vada davvero fino in fondo e che il Jobs Act. Perché il lascito della Lady di Ferro è molto più ampio: dopo aver abbattuto l'articolo 18, si passi velocemente a riforme ancora più radicali per liberalizzare, una volta per tutte, lo Stato. Contestualmente si dia anche un'occhiata al pugno di ferro usato in politica estera. La liberazione dei nostri marò non sono certo le Falkland, ma sicuramente un primo passo da fare per tornare ad avere un peso internazionale. E, per finire, se Renzi vuole proprio essere all'altezza del paragone, si metta a difendere l'Italia, si metta a difendere i nostri confini.

Commenti

giovanni PERINCIOLO

Ven, 19/09/2014 - 16:34

Per Renzi un bel complimento. Quanto alla camusso la conferma del dubbio sull'esistenza stessa della sua di mente!

grassochec0101

Ven, 19/09/2014 - 16:49

renzie ha la mente mi sembra leggermente diversa da renzie ha in mente... per il resto eviterei certi paragoni e farei riposare in pace la Thatcher evitando ribaltamenti clamorosi nella tomba

odifrep

Ven, 19/09/2014 - 17:00

Adesso anche le pulci hanno la tosse, la Camusso....... di cartone non sa niente della Dama di Ferro.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 19/09/2014 - 17:03

Anche per questa accesso diretto al club: Sono più belle che intelligenti.

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Ven, 19/09/2014 - 17:03

Da questo commento isi capisce che questa buffone vive in un universo che no è nemmeno parallelo! Imbecille e certi la seguono e pensano che isa intelligente! Mah!!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 19/09/2014 - 17:04

Veramente la Tatcher a "noi" ha sempre fatto abbastanza schifo. Come Reagan d'altronde. Ed entrambi puzzavano pure. pare non si lavassero mai. Sporchi fuori come sporchi dentro.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Ven, 19/09/2014 - 17:06

La differenza è che la bonanima della Thatcher usava il pugno di ferro, Renzi usa un piffero di plastica!

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 19/09/2014 - 17:08

L’art.18 è una falso problema. Finchè l’Italia avrà un Governo il cui maggior partito di riferimento è il PD (e Renzi dice che il PD è addirittura il punto di riferimento in Europa) e quasi tutti I suoi ministri provengono da quel partito che come tutti sanno è, tra l’altro, l’erede spirituale del demenziale PCI, e il cui maggior sindacato di riferimento è la CGIL con una Camusso ed un facinoroso rosso Landini, è ovvio non ci sarà nessun investimento in Italia e nessuna crescita e la disoccupazione aumenterà paurosamente. Solo degli sprovveduti o dei masochisti o dei very cretini verrebbero a investire in un Paese del genere a guida social-catto-comunista, dove la corruzione e il crimine organizzato e disorganizzato la fanno da padroni. Ma quale art.18. Non esiste.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 19/09/2014 - 17:10

GRANDE LA CAMUSSO, UNA DELLE DONNE PIU' IGNORANTI CHE CALPESTANO IL SUOLO ITALIANO, NON PER NIENTE L'HANNO MESSA A CAPO DELLA ROVINA ITALIANA: LA CGIL

GiulioP

Ven, 19/09/2014 - 17:11

Che dire ... possiamo solo sperare che quanto detto dalla Camusso sia vero ... ma è solo una speranza ...

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 19/09/2014 - 17:12

BERSANI E' UN ALTRO ESEMPIO DI COMUNISTA IGNORANTE FERMO A IDEE DI CINQUANT'ANNI FA...SVEGLIATI RIMBAMBITO I TEMPI SONO CAMBIATI...

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 19/09/2014 - 17:13

X Omar El Muktar: anche a noi quelli come come te fanno molto, ma molto schifo. Per vedere le cose da tuo puntó di vista bisognerebbe avere la testa all'altezza del c...

no_balls

Ven, 19/09/2014 - 17:15

il 70% delle aziende italiane non sono sottoposte all 'articolo 18. Sono piccol imprese . Il 30% sono banche assicurazioni utility.... ( quelli insomma che danno contributi elettorali) . indini ha capito il concetto? Non spacciate ideologia per semplici questioni di moneta. dopodiché se siete convinti che l'abolizione dell'articolo 18 causerà meno disoccupazione vi sfido a fare una scommessa. Io mi gioco la casa e voi un anno di stipendio. io perdo anche con un solo occupato in più...... Accetti la sfida Indini???????

mizio49

Ven, 19/09/2014 - 17:17

Per uscire dalla crisi occorre regalare la camusso ai tedeschi per alcuni anni.Al sig. Omar ricordo che l'abitudine a lavarsi non è certo una prerogativa dei suoi connazionali.

colapesce

Ven, 19/09/2014 - 17:18

se Renzi avesse un centesimo dell'abilita che aveva la Thatcher , non ci sarebbero Camussi che si metterebbero di traverso e l'italia sarebbe in pieno risanamento ......

maurizio50

Ven, 19/09/2014 - 17:19

E l'Italia dovrebbe riprendere credibilità, competività , redditualità con elementi vetero comunisti tipo la predetta signora Camusso? Propongo una sottoscrizione popolare nell'interesse degli Italiani: paghiamole un biglietto di sola andata (classe turistica) per la Repubblica della Nord Korea: Là nel paradiso dei lavoratori potrà dare ampie lezioni di marxismo -leninismo e noi, felici, ci saremo liberati di un immenso fastidio!!!!

baldo1

Ven, 19/09/2014 - 17:23

ma quale riforma liberale Indini, ma che ne sai te! Sciacquati la bocca.

mariolino50

Ven, 19/09/2014 - 17:26

Per la Tachter bisognerebbe chiederlo a tutti i lavoratori licenziati e impoveriti assai, per la city è stato il bengodi, per minatori e operai non direi, sono tornati quasi ai tempi descritti nella Cittadella.

rickard

Ven, 19/09/2014 - 17:27

Tra un po a qualcuno verrà in mente di paragonare Renzi a Churchill o a Kennedy. Povera Italia!

Ritratto di apasque

apasque

Ven, 19/09/2014 - 17:27

Magariiiiiiiiiiiii!!!! Eppoi la Camusso ce l'ha come Beria e Stalin!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Ven, 19/09/2014 - 17:30

La sinistra non vuol venir meno al totem dell'art.18, anche se questo vuol dire non avere più lavoro e,conseguentemente,non avere più lavoratori.E' anche vero,come afferma il governatore del Veneto,che i tagli lineari alla sanità distruggono quelle regioni cosiddette vitruosa,trattandole alla stregua di altre che di virtuoso hanno la faccia tosta.Considerando che il cosddetto boom economico è terminato nel 1964 e che dall'anno successivo ha continuato lo stato con l'aumento della spesa pubblica,sino a portarla ai disastrosi livelli attuali. I politici parlano di tagli e sacrifici,ma loro al massimo si spuntano i capelli,per le indennità c'è sempre una mano buona che di fatto annulla il tutto.Così come i sindacati,un'apparato mastodontico estremamente costoso per le aziende con i famosi distacchi sindacali,che nel privato è sinonimo di mancata produttività nel pubblico code lunghissime e scrivanie perennemente vuote.Per non parlare del trattamento fiscale a cui sono assoggettati che è veramente vergognoso.Trattamento fiscale altrettanto vergognoso ne beneficiano le cooperative,nelle quali i lavoratori vengono pagati poco e con la fregatura finale dei contributi pensionistici.L'assurdo finale poi è l'essere considerato pensionato ricco con 2mila euro detrazioni famigliari compresi.Ricco come i parlamentari che con 1 solo legislatura,anche di 1 anno,ricevono almeno 4 mila euro mese di pensione. E gran finale mastino siciliano Alfano,il tassista dei clandestini,brucia risorse più utili per i nostri giovani senza futuro.

vince50

Ven, 19/09/2014 - 17:31

Camusso & company,arricchiti alle spalle dei deficienti che la seguono,ricambiando il favore rovinando quel po di lavoro che rimane.Del resto se i furbi non possono contare sull'appoggio dei fessi,non avrebbero ragion d'essere.Brutta gente

Romolo48

Ven, 19/09/2014 - 17:31

@ Omar El Mukhtar qundo dici "noi" a chi ti riferisci? dI Certe stronzate tieniti tutta la paternità. bifolco!!

Ritratto di elio2

elio2

Ven, 19/09/2014 - 17:35

A dimostrazione che uno/a di sinistra può essere sempre e solo profondamente ignorante.

enrico09

Ven, 19/09/2014 - 17:37

Forse scordate che la Tatcher ha risanato l'economia inglese un po' alla Monti, con riforme da lacrime e sangue nei primi anni di attuazione, se é questo quel che volete...

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 19/09/2014 - 17:39

Avessimo avuto una Thatcher in Italia non saremmo nella situazione in cui ci troviamo. La Camusso è una mummia che vive fuori dalla realtà e purtroppo è capitata a noi, per nostra disgrazia ricevuta.

Raoul Pontalti

Ven, 19/09/2014 - 17:41

Dire che Renzi ha la mente come la Thatcher francamente non è un complimento, ricordando che Margaret aveva l'Alzheimer....

andrea24

Ven, 19/09/2014 - 17:43

Renzi è un "inglese di dentro",quelli di cui parlava Berto Ricci.E' una persona pericolosa.Va combattuto quanto gli inglesi di fuori.

capitanuncino

Ven, 19/09/2014 - 17:44

MAGARI!!!!! Come sotto sotto tutti sanno, per salvare l'economia bisogna far cose "di destra", ma la natura settaria e miope della sinistra becera non permetterebbe mai ad uno di destra di "aver ragione", quindi la soluzione è che ci sia uno di sinistra che faccia cose "di destra"...in passato lo fece in parte Craxi ora speriamo lo faccia Renzi, ma i beceri sono in agguato e per Renzi vale: "Dagli amici mi guardi Dio che dai nemici mi guardo io"......

LAMBRO

Ven, 19/09/2014 - 17:55

MENO MALE.... QUELLA HA SALVATO L'INGHILTERRA SPERIAMO CHE MATTEO CI SALVI DA GENTE CHE PRIMA DI PARLARE DOVREBBE ACCENDERE IL CERVELLO....SEMPRE CHE CI SIA.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 19/09/2014 - 17:57

che gioia vedere comunisti che si azzannano tra loro.

angelomaria

Ven, 19/09/2014 - 18:03

SOLO CHE LEI AVEVA SCUSATE LE PALLE LUI UMMMMM??!!

michele lascaro

Ven, 19/09/2014 - 18:08

Qualche volta, rara avis, la Camusso "c'azzecca". È stata, però, imprecisa, perché se Renzi fosse stato una vera Thatcher, a quest'ora lei e tutto il suo sindacato sarebbero stati già spazzati via dallo scenario italiano. Peccato, per Renzi!

Gianca59

Ven, 19/09/2014 - 18:09

Renzi ha invertito gli ordini dei fattori con il prodotto che cambia: se prima non si creano le premesse per far assumere e lavorare la gente mi vuol dire cosa serve abolire l' art18 per dare, tra le altre cose, libera mano a licenziare ? CHI LICENZIANO ?????

frabelli1

Ven, 19/09/2014 - 18:11

Magari Renzi fosse, anche lontanamente, come la Thatcher, risolleverebbe l'Italia da questa disastrata situazione e la riporterebbe nella posizione che gli compete. Invece è un tassatore come tutta la sinistra e non risolve alcun problema, anzi.

beppechi

Ven, 19/09/2014 - 18:13

magari.Il problema è che gli succede solo per qualche secondo ogni tanto

Ritratto di enzo33

enzo33

Ven, 19/09/2014 - 18:14

Spero tanto che i lavoratori questa volta non si facciano incantare da questi tre pifferai, lasciateli sfilare da soli, pensate a lavorare, la vostra decima riservatela ai disoccupati non a questi sindacalisti nullafacenti...

Ritratto di tulapadula

tulapadula

Ven, 19/09/2014 - 18:17

Parafrasando il Maestro: "La Thatcher era piu' bella che intelligente". Non vedo come assomigliarle possa essere un comlimento. E cmq la Camusso dovrebbe tacere, che e' pure peggio (se possibile).

82masso

Ven, 19/09/2014 - 18:19

Ma voi del Giornale, in quanto berlusconiani, che vi accomuna con la Thatcher? La Sign.ra era una statista mica una buffona.

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 19/09/2014 - 18:26

Magari fosse come la Lady di Ferro!

Rabbia

Ven, 19/09/2014 - 18:27

Dici nulla aver la mente come la Thatcher: salvò l'Inghilterra e ancora oggi ne risente i benefici.Tu piuttosto che mente hai? Sempre che tu ne abbia una! Hai forse la mente di Lama, di Di Vittorio? Tu sei solo una comunista lenimista-stalinista allevata alla scuola dove studiò D'Alema, Bersani, Cuperlo, ora maestri di sciagura dei giovani leoni, che hanno in testa un 'Italia che non c'è più ma che loro fanno il diavolo a quattro per salvare se stessi ed in*****e i lavoratori del braccio e della mente. Sciopera, sciopera Camusso tanto ,te riscuote lo stesso e loro ci rimettono la giornata!

claudio faleri

Ven, 19/09/2014 - 18:35

senza l'articolo 18 la camusso e compagni finiscono nella merda

claudio faleri

Ven, 19/09/2014 - 18:36

senza l'articolo 18 non avranno più gli schiavi da mungere

Joe Larius

Ven, 19/09/2014 - 18:48

Eh si. Magari fosse vero. Gli inglesi si sono rimessi in piedi con la Thatcher che oltretutto era una a suo modo una bella e valida signora. A noi toccano le Camusso che sono solo esperte sindacaliste specializzate nel creare quelle balorde situazioni per raddrizzare le quali sono capaci solo le Thatcher.

Tullio Pascoli

Ven, 19/09/2014 - 18:50

Magari Rezzi fosse come la Thatcher: l'Italia si salverebbe, ma con le Camusse ed altre rosse e rossi che ancora hanno un pubblico, siamo destinati a solo peggiorare...

SINTETICO

Ven, 19/09/2014 - 18:54

Il mio rimarrà (forse) un appello inascoltato. Ma la foto sotto l'articolo non si potrebbe cambiare? Che determinazione! Che grinta! Che combattente...

giovanni PERINCIOLO

Ven, 19/09/2014 - 19:02

Raul Pontalti. La Thatcher fu affetta da Alzheimer ben dopo che passo' a vita privata, la camusso invece si direbbe che é oggi affetta dall'alzheimer e con lei tutti i suoi supporter!

Ritratto di panteranera

panteranera

Ven, 19/09/2014 - 19:02

I parenti della Thatcher dovrebbero denunciare la befana rossa per il paragone...

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 19/09/2014 - 19:05

Questa è "cresciuta" in un kolkoz, è andata a "scuola" a Mosca e ha poi militato nella Fiom. Oggi, 2014, è "anacronistica". - Occorre intelligenza, per difendere i lavoratori, più che "ideologie" consunte. Quando renzie andrà a Detroit si renderà meglio conto che questa è proprio arrugginita, dentro, da rottamare senza rimpianti.

Ottorino

Ven, 19/09/2014 - 19:21

Un complimento! Ma chi pensa questo, sa davvero come si viveva ai tempi della Thatcher che e' stata costretta alle dimissioni da parte del suo stesso partito? Informatevi prima di scrivere, altrimenti giochiamo a chi le spara piu' grosse

chicolatino

Ven, 19/09/2014 - 19:21

no_balls: carissimo, il fatto e' che con un netto ridimensionamento dell'art. 18 i fancazzisti, paraculati, somari, etc avrebbero molto piu' pepe al cu lo e smetterebbero di sentirsi intoccabili...probabilmente il mercato li espellerebbe a favore di quelli validi e ne guadagnerebbe piu' in efficienza e produttivita'...al contempo, i lavoratori sarebbero molto piu incentivati a curare la propria formazione professionale, e non a rassegnarsi a vita a fare le stesse due cosette certi del fatto che nessuno mai li caccera'!! e dulcis in fundo, sparirebbe anche la gente alla raoul pontalti di okuto, che non ha mai lavorato in vita sua essendo stato imboscato chissa' dove...ti sembra poco tutto cio'??? saluti

gio 42

Ven, 19/09/2014 - 19:32

Vi ricordate quando cadde il muro di Berlino, a Mosca cosa succedeva? gli impiegati statali che uscivano con la loro roba dentro le scatole e il popolo fuori che sputava loro addosso...........

Ritratto di marystip

marystip

Ven, 19/09/2014 - 19:35

Certo la Camusso non si potrà mai paragonare alla Thatcher; ma questa gente quando apre bocca è collegata al cervello?

rasiera

Ven, 19/09/2014 - 19:38

Renzi, avanti così. Facci sognare.

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Ven, 19/09/2014 - 23:30

Io come semplice italiano non riesco a capire, considerando tutto il disfacimento che esiste nel settore lavoro e produzione, la continuata opposizione che i sindacati "così detti di sinistra" puntino i piedi quando si vuole fare un passo avanti per mettere in condizione che tanti "disoccupati non siano più tali". Quando la Camusso è stata investita alla guida del sindacato CGL, credevo che "forse la presenza di una donna" ci fosse un "po di cambiamento in meglio". Non è stato così! La Camusso, oggi come oggi, sta dando atto di seguire una linea di idee che ci portano ancora nel pensiero politico ai tempi di quando in politica esisteva l'on. Togliatti. Siamo gli unici in Europa a non vedere che il popolo italiano, in maggioranza, è totalmente disoccupato in crisi profonda e che le famiglie a stento sopravvivono per mancanze di vere assunzioni. Gli unici italiani a poter lavorare con soddisfazione finanziaria sono i "frontalieri di Como ed altre città limitrofe della Svizzera e dell'Austria, che ogni mattina si recano in queste Nazioni a lovorare e portare a casa un "sostanziale stipendio" (doppio di quello italiano). Ebbene, questi frontalieri sono assunti in Svizzera ed in Austria senza i cosi detti contratti nazionali italiani ove la Camusso e sindacati di sinistra difendono "a occhi chiusi l'ART.18 che è colpevole "principalmente" di questa grande disoccupazione. I contratti di lavoro si devono intendere soddisfacenti quando non siano leonini, cioè a favore di una sola parte contraente. Oggi viviamo in un contesto di Europa Unita, quindi le aziende sono libere di chiudere i battenti su una Nazione ed aprirli in un'altra che offre più opportunità sia per gli imprenditori che per la forza lavorativa. Quindi debbo dedurre che alla Camusso (ed altri estremi di sindacato della sinistra) non gliene frega un tubo dei lavoratori disoccupati, forse sogna ancora che lo Stato possa fare assistenzialismo, mentre loro si presenterebbero agli stessi disoccupati come se fossero i difensori di un diritto che per loro vuol dire (se assunto) "sei stato assunto in modo indeterminato con l'art.18 ove mai nessuno ti potrà buttar fuori dall'azienda"..... "ma... dove sono le aziende italiane ?? o straniere insediate in Italia ?? "". Camusso apri gli occhi! capisco che hai vissuto sempre dentro un sindacato e tutto ti è stato facile, mentre.... i disoccupati no!!! non hanno risorse e se li inviti " a scioperare " non produci solo un danno alla ricchezza non prodotta per l'Italia, ma.... un peggioramento verso la forza lavorativa. In Italia non c'è più una via d'uscita le porte e le finestre sono "sbarrate" altro che vincolo di stabilità, NOI SIAMO GIA' INSTABILI E VULNERABILI IN TUTTI I SENSI (per non parlare di tutti gli emigranti che voi avete avvalorato affinché stessero in Italia, a far cosa ??? forse per vederli "ingaggiati dall'islam estremo e a combatterci in casa nostra). Di errori il sindacato e la politica di sinistra ne ha prodotti molti che solo adesso gli italiani possono capire in forma sostanziale. Quindi lasciate perdere il pensiero o le dichiarazioni pubbliche nel dire che Renzi sta adottando "politiche di destra", qui si discute della ricchezza o povertà della forza lavorativa e non dei ricchi come voi che non producono ricchezza o benessere sociale. Voi dite di dare in servizio, io lo interpreto "ingiustizia".