Canale 5: non si fa più «Le belle e i secchioni»

Mentre Mediaset si aggiudica i diritti dei gol della serie A, studia anche come mettere le pezze a buchi che si sono aperti in palinsesto. Bonolis, arrivato in pompa magna e pagato profumatamente (15 milioni di euro all’anno), in autunno si dedicherà solo al programma di seconda serata del giovedì, il Senso della vita, nonostante i vertici Mediaset abbiano cercato di convincerlo a partire subito con due programmi. Era rimasta dunque libera la casella del venerdì in prima serata che, sui palinsesti presentati a giugno, era stata assegnata al conduttore per un nuovo show. Per quello spazio si stavano già facendo le prove per un nuovo reality-game, Le belle e i secchioni, gioco in cui avvenenti fanciulle e ragazzi geniali dovevano mischiarsi per trasferirsi i saperi: i maschi più socievoli, le donne più acculturate. Ma l’altro ieri è arrivato lo stop della direzione Mediaset: il reality è congelato. Cosa ci sarà al suo posto? Forse un film o una fiction. D’altra parte al venerdì, sulla concorrente Raiuno, hanno ripristinato I raccomandati, format non certo forte. Sta di fatto che la prima serata di Canale 5 è ancora tutta da completare.