Cancellara batte Wiggins. E Nibali comincia bene

Più che con il botto s'incomincia con una saetta. Tutto come previsto, in questo Tour che si preannuncia scontato, banale e prevedibile, ma proprio per questo potrebbe riservarci più di una sorpresa. Quando lo spartito è banalotto, i musicisti di rango ci mettono sempre del loro.
Intanto, però, Fabian Cancellara le suona a tutti, con vigore e prepotenza. Alle spalle dello svizzero il britannico Bradley Wiggins, grande favorito alla vittoria finale di questo Tour, e il beniamino di Francia Sylvain Chavanel, staccati entrambi di 7". Non brillantissimo l'ultimo vincitore del Tour, l'australiano Cadel Evans, che ha chiuso facendo segnare solo il 13° tempo e concedendo a Wiggins ben 10". Bene, molto bene, invece, il nostro Vincenzo Nibali, che un cronoman non è, ma lascia a Wiggins solo 11" e un secondo ad uno specialista delle prove contro il tempo come Evans.
Oggi prima tappa, da Liegi a Seraing, alla periferia della "città ardente". Arrivo su uno strappetto di 2.400 metri molto insidioso, adatto agli scattisti.
Cronoprologo: 1. Cancellara (Svi) 7’13’’, 2. Wiggins (Gbr) e Chavanel (Fra)a 7’’, 4. Van Garderen (Usa) a 10’’, 5. Boasson Hagen (Nor) e Lancaster (Aus) a 11’’, 8. Menchov (Rus) e Gilbert (Bel) a 13’’, 13. Evans (Aus) a 17’’, 14. Nibali (Ita) a 18’’.
Diretta tv su Rai Sport 2 dalle 14 e dalle 14.30 su Rai Tre ed Eurosport.