Il candidato gira in Ape e regala miele

In principio era il disegno di Emma, sei anni, e la scritta: «Per cinque anni ho lavorato pungendo in Provincia...». Poi è arrivata l’Ape Piaggio (azzurra) e sul telone il più esplicito «Per il Comune scrivi Asti», il simbolo Forza Italia e l’ape di Emma. Ieri sera si è aggiunto l’ultimo ingrediente: i vasetti di miele prodotti da Gianluigi Burafato, candidato sindaco della Cdl. Paolo Asti - imprenditore, scrittore di favole e papà di Emma - lo regalerà nel suo giro dei quartieri alla Spezia, a caccia dei voti per essere eletto in consiglio comunale. Giro che - inutile dirlo - sarà fatto a bordo dell’Ape azzurra, presa in prestito dagli amici.
Asti garantisce: è tutta farina del suo sacco. «Berlusconi insegna, la leva principale per raggiungere il consenso è la simpatia, vale nel lavoro come nella politica». L’«operazione simpatia» del candidato spezzino è partita dal disegno di Emma, sua figlia, che non a caso ha ritratto un’ape: «Secondo le teorie dell'aerodinamica ed attraverso esperienze effettuate nella galleria del vento - dice papà Paolo citando i comici Gino e Michele - è dimostrato che l'ape non può volare. Questo perché il suo peso, la sua massa e la forma del suo corpo, in rapporto all'apertura alare, ne rendono il volo impossibile. Tuttavia l'ape, ignara di queste condizioni scientifiche ed essendo dotata di notevole risolutezza, non solo vola... fa anche il miele!». Agli elettori, Asti promette di farsi sentire («ronzare») comunque vadano le elezioni, «che si vinca o che si perda». «Se la Cdl può farcela? L’Unione era convinta di vincere al primo turno, sono loro a rischiare. Federici, candidato del centrosinistra, per me è un sindaco grigio per una città grigia che con lui rimarrà grigia».
L’Ape azzurra di Asti cerca invece di portare un po’ di colore nella campagna elettorale. «Noi politici finiamo per sorridere poco, ci prendiamo troppo sul serio - racconta il candidato, per cinque anni capogruppo di Forza Italia in Provincia, ecco spiegato il messaggio iniziale-. Da domani girerò con l’Ape fra i quartieri regalando vasetti di miele da 250 grammi e santini elettorali, sarà un modo per stabilire un contatto con i cittadini».
Asti è abituato a usare la fantasia. «Ho scritto un libro di favole. La mia vita è spiegata nei dettagli nel sito www.paoloasti.it, è giusto che gli elettori sappiano tutto del politico, attraverso il sito raccolgo anche le loro segnalazioni». Lui di mestiere fa l’imprenditore e ha guidato i giovani industriali spezzini. «È anomalo vedere un’industriale in Ape - conclude sorridendo-. Quanti chilometri farò? Tanti. L'obiettivo è di fondere il motore. Gli amici l’hanno già messo in conto».