Cane abbandonato patente a rischio

Colpa grave, quella di abbandonare per strada, specialmente d’estate, gli animali di affezione: doveroso, pertanto, sanzionarla «come si deve», cioè con assoluta severità, magari anche con la sottrazione di punti dalla patente del reprobo. In questa prospettiva, il gruppo di Alleanza nazionale in Regione ha presentato una mozione urgente con cui si chiede al governo di decretare che l'abbandono di cani, gatti e altri animali da compagnia venga inserito fra quelle violazioni al Codice della strada che comportano, per coloro che fossero colti in flagranza di reato, una decurtazione di punti dalla patente. An invita inoltre la giunta regionale ad attivare un numero verde al quale possano fare ricorso i cittadini liguri per denunciare atti di abbandono, inclusa la segnalazione delle targhe delle auto sorprese a rilasciare animali sulle strade della nostra Regione. «Una proposta analoga è stata approvata di recente dal consiglio regionale della Lombardia» ricorda in proposito il capogruppo di Alleanza nazionale nella Sala verde, Gianni Plinio. E aggiunge: «È giusto e doveroso contrastare con sempre maggior efficacia la piaga degli abbandoni di animali che ogni anno, soprattutto in coincidenza con la stagione estiva, subisce un aumento del 10 per cento. I dati statistici parlano di almeno 40mila incidenti automobilistici provocati da cani abbandonati negli ultimi 10 anni, relativamente alla sola rete autostradale nazionale. Tutte le volte - sottolinea Plinio - l'animale è morto, mentre 4mila sono stati gli automobilisti feriti anche gravemente e ben 200 risultano le persone decedute tra i passeggeri delle vetture coinvolte. Ci sono quindi valide ragioni morali, di doveroso rispetto per gli animali, ma anche di tutela della sicurezza per mettere fine a questo esecrabile comportamento».