Cani più belli con «stripping» e coloratura

Sempre più milanesi fanno fare la toeletta all’amico quattrozampe

Toelettati e colorati. Succede a tanti cani milanesi, tosati e colorati secondo i dettami dell’ultima moda. Cani super coccolati affidati alle cure di toelettatori «rosa» che hanno frequentato i corsi dell’Acad, l’Associazione milanese dei commercianti di animali domestici. Più del 70 % degli allievi della scuola professionale sono infatti ragazze o donne con età compresa tra i 18 e i 40 anni. «Sono più sensibili e tranquille, e proprio per questo i clienti lasciano loro più volentieri i propri cani», spiega Danilo Bianchi, responsabile del laboratorio di toelettatura dove il 90% degli animali sottoposti a tosatura sono appunto cani. Che vengono anche colorati con gessetti atossici (ma al primo lavaggio il cane ritorna al suo colore originale). «Ma colorato si sente meglio, diventa vivace ed è più guardato e coccolato» spiega Serafino Ripamonti, uno dei maestri della toelettatura con clienti anche internazionali.
Infine c’è lo stripping, che consiste nello strappare il sottopelo: attraverso questa tecnica colore e consistenza dell’animale si mantengono meglio. «Lo stripping - spiega Mario Riboldi, presidente di Acad - è però una tecnica che viene richiesta saltuariamente dal cliente poiché richiede infatti oltre tre ore di lavoro». Che - rivela una ricerca dell’Unione del Commercio, costa 50 euro, a seconda della taglia dell’animale, mentre la toelettatura classica costa 35 euro e quella con modellatura per mezzo di forbici 40 euro. «A Milano - spiega ancora Bianchi - il cane non viene più considerato solo un animale da compagnia, ma un vero e proprio componente della famiglia. Le richieste cambiano dal centro alla periferia: nelle zone centrali l’esigenza maggiore è il cane bello, in quelle periferiche badano soprattutto alla pulizia dell’animale. Nell’hinterland la toelettatura può avvenire inoltre ogni tre mesi».