Canna fumaria intasata: monossido invade stabile Due morti e 5 intossicati

Malfunzionamento di una canna fumaria comune di un palazzo di in piazza Gobetti 8, quartiere Città Studi. Le esalazioni di monossido di carbonio si propagano in tutti gli appartamenti. Dodici famiglie coinvolte: due vittime e cinque intossicati, uno è grave 

Milano - Due persone sono morte e quattro sono rimaste intossicate in alcuni appartamenti dello stesso stabile per un'esalazione di monossido di carbonio che, secondo le prime informazioni, sarebbe fuoriuscito da una canna fumaria comune. Il palazzo è in piazza Gobetti 8, nel quartiere di Città Studi. Sul posto uomini del 118, polizia e vigili del fuoco stanno ispezionando tutte le case. Una dozzina di famiglie che vivono nello stabile sono state subito evacuate dai soccorritori che le stanno assistendo e verificandone lo stato di salute. Ci sarebbe stato un malfunzionamento di una canna fumaria e le infiltrazioni di monossido si sarebbero quindi diffuse in alcuni appartamenti.

Le vittime Sono un italiano e una polacca, che abitavano nello stesso appartamento, secondo quanto reso noto dalla polizia, le due persone morte per una infiltrazione di monossido di carbonio nello stabile di piazza Gobetti 8 a Milano. Gli intossicati sono saliti a 5, di cui uno in gravi condizioni: 2 sono stati ricoverati all’ospedale San Raffaele, 2 alla clinica Città Studi e 1 al Niguarda. L’allarme è stato dato con una chiamata al 118 proprio dalla coppia che poi è deceduta e che abitava in un appartamento al primo piano dello stabile, un edificio di sei piani. Sia l’uomo sia la donna hanno riferito al telefono ai centralinisti di avere forti dolori alla pancia e poi avrebbero perso i sensi. La fuga sarebbe stata causata dal malfunzionamento dello scaldabagno che si trova proprio nell’appartamento della coppia. Al momento lo stabile è evacuato e la gente è per strada mentre i vigili del fuoco stanno procedendo alle ultime verifiche nel palazzo.