Cannavaro sotto i ferri: «Sto bene»

Baden. Trenta minuti sotto i ferri per suturare il legamento della caviglia sinistra. L’intervento temuto da Fabio Cannavaro dura meno del previsto al secondo piano della Privat Klinik di Vienna. Al risveglio si ritrova circondato da moglie, figli, papà, e storico agente oltre che da Riva e Valentini del club Italia. Prima di rientrare in albergo, dalle parti di Baden, la decisione di scendere in sala stampa per parlare ai cronisti e ai microfoni delle tv. «Sto bene, è andata meglio del previsto» la sua frase tipo. Oscurata parzialmente dalla previsione del professor Andrea Ferretti, autore dell’intervento. «Tre mesi di tempo per tornare all’attività» il pronostico.