Cannavro: "Fortunato perché non gioco in Italia"

Lo sfogo del capitano della Nazionale: "Speriamo che lo stop ai campionati serva. Questa sosta può servire per
riorganizzare le cose. Lo stop alla Nazionale, forse, sarebbe troppo"

Madrid - "Sono fortunato a non giocare in Italia". Fabio Cannavaro, capitano della Nazionale, non rimpiange la scelta compiuta nell’estate 2006, quando ha dato l’addio alla Juventus per trasferirsi al Real Madrid. "Speriamo che lo stop ai campionati serva", dice il capitano azzurro da Coverciano, dove la selezione del ct Roberto Donadoni sta preparando i prossimi impegni per le qualificazioni a Euro 2008. "Questa sosta può servire per riorganizzare le cose. Lo stop alla Nazionale, forse, sarebbe troppo". La differenza tra la Spagna e l’Italia è abissale. "Lì - dice Cannavaro - chi vuole protestare lo fa sventolando un fazzoletto bianco allo stadio. Poi, al fischio finale, tutti se ne vanno a casa e non succede nulla. Gli arbitri sbagliano anche in Spagna, ma non c’è la pressione che si avverte in Italia".