Canottaggio, 13 barche azzurre a caccia di pass olimpici ai mondiali di Bled

Il via alla rassegna iridata in Slovenia, con partecipazione record di oltre 1200 atelti di 68 nazioni. Nella prima giornata occhi puntati sul doppio leggero Bertini-Luini, vicecampione del mondo in carica

Scattano domani i Mondiali di canottaggio a Bled in Slovenia che assegneranno i pass olimpici e paralimpici in vista di Londra 2012. Sono 1213 gli atleti e 68 nazioni rappresentate.
L'Italia si presenta ai nastri di partenza della competizione con 74 atleti e 13 barche (su 21 specialità) a caccia della qualificazione per le Olimpiadi: cinque senior maschili (singolo, doppio, due senza, quattro senza, quattro di coppia), due pesi leggeri maschili (doppio e quattro senza), due senior femminili (due senza, quattro di coppia), una pesi leggeri femminili (doppio) e tre adaptive (singolo maschile, doppio e quattro con).
Ci sono dei cambiamenti nel doppio e nel quattro di coppia senior: per scelta tecnica, Paolo Perino è ora il prodiere del quattro di coppia al posto di Simone Raineri, che diventa il capovoga del doppio. Undici le barche azzurre della prima giornata: prima gara azzurra alle 9,30 con il singolista leggero Pietro Ruta. I campioni olimpici australiani Crashway e Brennan e la Germania sono due dei «pezzi da novanta» del doppio: entrambi sono collocati nella batteria degli azzurri Domenico Montrone e Simone Raineri. Poi toccherà al quattro senza pesi leggeri (Danesin, Caianiello, Miani, Goretti), quindi il due senza leggero di De Maria e Dell'Aquila. Nel due senza femminile la Wurzel e la Bertolasi si trovano contro la Gran Bretagna, vicecampione del mondo. C'è la finale, invece, in palio nel quattro di coppia donne (Sancassani, Schiavone, Colombo, Calabrese) dove la Germania, leader un mese da in Coppa del Mondo, è la favorita. Sarà poi il turno di Galtarossa, nuovo capovoga del quattro di coppia, che guiderà l'assalto a Danimarca, Croazia, Cina e Svizzera. Nel due senza Mornati e Carboncini cercheranno il pass contro la Grecia (quarta a Lucerna), Usa, Serbia, Croazia e Argentina. Il neozelandese Drydsale è l'avversario numero uno di Leopoldo Sansone nel singolo. Costretti a vincere per l'accesso diretto alla semifinale anche per il quattro senza (Paonessa, Fossi, Agamennoni, Palmisano).
Nell'ultima sfida azzurra della giornata, il doppio leggero di Bertini e Luini (vicecampione mondiale e secondo a Lucerna) ha a disposizione uno dei primi tre posti contro Iran, Svezia, Usa, Bulgaria e India per entrare nei quarti di finale.