Il cantastorie raccontato «Come un killer sotto il sole»

C’è tutta la poesia, l’America «on the road», la rabbia urbana e lo spirito popolare in Come un killer sotto il sole, appropriatamente sottotitolato Un romanzo americano, libro dedicato da Leonardo Colombati a Bruce Springsteen. Attraverso i migliori testi commentati e tradotti e un interessante saggio introduttivo l’autore spiega come il Boss, «scrittore» atipico come Carver, meriti di essere inserito tra i grandi della letteratura americana. In tutta la sua carriera Springsteen ha composto oltre 250 canzoni: ma poco più della metà è finita nei suoi album ufficiali. Un patrimonio che è stato analizzato solo parzialmente. L’editrice Arcana ha colmato la lacuna con due volumi: il primo dedicato ai testi del 1973-88, il secondo dai tardi anni Ottanta ai giorni nostri. Nel primo volume, Talk About a Dream, il giornalista musicale e autore televisivo Ermanno Labianca passa al setaccio gli anni della formazione del cantastorie: la fase della «rabbia giovane» che va dagli esordi allo scioglimento della E Street Band.