Cantieri Pardo Salvataggio, si tratta con Bavaria

Settimana decisiva, la prossima, per il destino dei Cantieri del Pardo. I responsabili di Bavaria, grande azienda tedesca del settore della nautica, hanno incontrato nei giorni scorsi i vertici della Provincia di Forlì-Cesena per illustrare le linee essenziali del loro interessamento all’azienda forlivese (200 dipendenti) a rischio default. I due marchi più prestigiosi dei Cantieri del Pardo - Grand Soleil e Dufour Yachts - potrebbero quindi essere acquistati dal gruppo tedesco di Gieblestadt, che a sua volta nel 2009 fu acquistato dai fondi d’investimento privati americani Anchorage Advisors Llc e Oaktree Capital. Intanto l’amministratore delegato di Bavaria, Jens Ludmann, ha confermato la trattativa, ma non si è sbilanciato sulle cifre dell’accordo. Ludmann ha dichiarato che «Bavaria sta negoziando con diversi interlocutori in merito ai piani per il gruppo. Riteniamo - ha sottolineato - che i tre brand (Cantieri del Pardo, Grand Soleil e Dufour Yachts) siano assolutamente complementari e che ci siano molte opportunità per creare sinergie relative alla rete di vendita». Ai Cantieri del Pardo sembra sia anche interessato un fondo di private equity italiano che fa capo al gruppo Orlando. L’azienda di Forlì ha accumulato debiti per più di 100 milioni. Dal 2005 è controllata dal fondo Rhone Capital, che la rilevò da Giuseppe Rasero con un leveraged buyout. La storia del «Pardo» iniziò nel 1974 con il varo del «Grand Soleil 34» progettato dai francesi di Group Finot. E fu subito successo. E il marchio diventò un’icona del made in Italy con le sue barche da regata di serie.