Cantieri, quest’anno Milano rifà 275 strade

Arriva l’estate e come ogni anno, puntuali, aprono anche i cantiere estivi in città. Un piccolo disagio per il traffico, un grande vantaggio in autunno quando i 67 interventi circa saranno conclusi. Ci sono buchi da tappare, asfalto da rifare, strisce pedonali da ridipingere, binari e fognature da sostituire. Grazie ai nuovi materiali poi c’è qualche vantaggio in più: le strisce pedonali saranno ricoperte da materiale antiscivolo, mentre davanti alle scuole verrà messo asfalto mangia-smog. Ogni anno vengono spesi 250 milioni di euro per le opere pubbliche, cui dobbiamo aggiungere lo stanziamento di 4 milioni di euro, approvato con una delibera di giunta un paio di settimane fa, per la rimozione dei binari dismessi, operazione che partirà l’anno prossimo. E se nel 2007 sono state sistemate 240 strade, quest’anno l’obiettivo di Palazzo Marino ammonta a 275.
La novità di quest’anno fa rima con tecnologia, a tutto vantaggio dei cittadini. La mappa che vedete qui pubblicata, con indicati tutti i 67 interventi che modificano la viabilità, e che partono in questi giorni, infatti, sarà pubblicata entro metà mese sul sito del Comune (www.comune.milano.it). Cliccando sulle icone sarà così possibile aprire una scheda con il dettaglio del cantiere: il tipo di intervento e la durata. L’assessore ai Lavori pubblici di Palazzo Marino, Bruno Simini, si spingere oltre, fin dove arriva la tecnologia informatica più avanzata: «Stiamo lavorando perché i cantieri e i cambi di senso vengano segnalati dai navigatori satellitari - annuncia -. Abbiamo già preso contatti con gli operatori, e, una volta che la mappa sarà in rete non penso che sarà molto complicato riuscire a inviare le informazioni ai satelliti». Milano sempre più bucherellata - motivo di orgoglio per l’assessore Simini: «Più cantieri apriamo, più diamo il segnale che stiamo lavorando per la città» - ma anche sempre più comunicativa. «È ora di dire basta all’idea che i cantieri siano sinonimo solo di disagio - continua - i lavori sono un’opportunità di ammodernamento. E poi questi sono interventi che la città aspettava da anni».
Nella centrale piazza Cordusio sono in corso i lavori di sostituzione dei binari del tram, che dovrebbero terminare a fine luglio, mentre dal 1° agosto toccherà a corso Magenta, dove sarà soppresso un senso di marcia e a viale Bligny. Ai Bastioni di Porta Venezia, in via Verziere, largo Augusto, corso Porta Vittoria, via Durini e piazza Virgilio verrà completamente rifatto il manto stradale. Gran parte del centro storico (largo Toscanini, largo Augusto, via San Vittore, via Santa Sofia, De Amicis e piazza Vetra), invece, sarà interessato - da martedì - dagli scavi archeologici per la realizzazione della linea 4 del metrò. Anche la circonvallazione esterna sarà coinvolta: in viale Tibaldi, viale Cassala, viale Liguria, infatti, verrà rifatto l’asfalto, così come, in viale Scarampo e viale del Ghisallo - che porta alla Milano Laghi - dove, però, i lavori verranno eseguiti di notte o nel week end. Buone notizie anche per la Stazione Centrale: in tutti i sottopassi verrà eseguita la manutenzione annuale al sistema dell’illuminazione. «Faremo tanti lavori - commenta Simini - perché abbiamo rispetto della città e la faremo d’estate perché abbiamo rispetto dei cittadini. Ritengo indispensabile concentrare l’80% degli interventi quando la città si svuota e prevedendo anche turni prolungati e lavori notturni».