«Canto il mio amore per la patria»

(...) di un attestato civico per i suoi innegabili meriti artistici (la pergamena-riconoscimento è stata assegnata a Patti Smith, Rolling Stones, Cesaria Evora ed Ennio Morricone). Con Bocelli, il fedelissimo baritono Gianfranco Montresor e Adriana Damato, un soprano dal talento riconosciuto internazionalmente, ci sarà l'orchestra e il coro sinfonico “Giuseppe Verdi” diretti da Eugene Kohn che, curiosità, iniziò la sua carriera come pianista accompagnatore di Maria Callas. Proprio Kohn, entusiasta delle doti canore e del «sentire musica» di Bocelli, ha raccontato in anteprima il programma del concerto gratuito di stasera (il via alle 21 in piazza Duomo, ingresso libero): «In questo caso, Andrea metterà da parte il repertorio più pop- crossover per concentrarsi su brani della tradizione operistica. Il programma prevede infatti pezzi molto conosciuti, ma tutt’altro che facili da interpretare per un tenore. Penso, per esempio, a La donna è mobile dal Rigoletto o a Di quella pira da Il trovatore di Giuseppe Verdi o ad alcuni episodi dalla Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni o dalla Bohème di Giacomo Puccini».