Caos Europa in tilt Ottanta le vittime

Dopo essere andato in tilt, il sistema dei trasporti europei si sta riprendendo a fatica dai colpi inflitti dalle forti nevicate e dalle temperature glaciali. Gli aeroporti tentano di tornare alla normalità, ancora a rilento i treni Eurostar che collegano Parigi a Bruxelles e Londra. Il freddo intenso ha provocato in tutta Europa un’ottantina di vittime, soprattutto senzatetto e ha fatto passare un’ora al buio e al freddo a circa due milioni di francesi in Provenza. Il bilancio più pesante è in Polonia dove, anche sotto l’effetto dell’alcol, sono decedute 42 persone e in Ucraina, dove il freddo glaciale ha provocato altri ventisette morti. Le bassissime temperature, -33 gradi, e le strade ghiacciate hanno provocato sei morti durante il fine settimana in Germania.