Cap Gemini accelera a Parigi

Le attese che la Federal Reserve possa interrompere la serie di rialzi nei tassi, dopo il disastro provocato da Katrina, hanno sostenuto il mercato di New York, anche alla luce di positivi risultati aziendali. Tra questi McDonald’s migliora di oltre il 2%, Boeing e American Express dell’1,2%; balzo del 77% di PalmSource, all’annuncio del suo acquisto da parte della giapponese Access. In evidenza anche il canale di vendita Albertsons (più 6%) dopo le offerte di acquisto da parte di alcuni fondi di investimento. La giornata si è conclusa con rialzi di poco inferiori all’1% per i tre indici principali. Recupero in fine settimana per le piazze europee. Più consistente a Parigi (più 0,6%), spinta dai rialzi di alcune blue chip, tra cui Cap Gemini (più 2,5%) e Danone(più 2,4%); in ripresa anche i titoli dell’auto, con Peugeot in crescita del 2,2%. Bene Zurigo, dove Swatch sale del 2,2%, mentre a Londra avanza Man (più 2,1%) e salgono i petroliferi, con Bp( in rialzo dell’1,6% e Shell dello 0,9%.