Capezzone lascia l'Unione e si dimette dalla Commissione attività produttive

L’ex segretario di Radicali italiani, in una lettera inviata al presidente
della Camera, spiega di considerare "esauriti, starei per dire esausti, la fase e l’assetto politici
che determinarono la mia elezione"

Roma - Daniele Capezzone lascia il gruppo della Rosa nel Pugno e confluisce nel Gruppo Misto. Ha anche lasciato la Commissione Attività Produttive. Capezzone era presidente della Commissione, alla Camera, ed era stato eletto nelle liste della RnP. L’ex segretario di Radicali italiani, in una lettera inviata al presidente della Camera, spiega di considerare "esauriti, starei per dire esausti, la fase e l’assetto politici che determinarono la mia elezione".

"Prodi e Visco hanno torchiato il Paese" "In questi mesi al governo ho capito cosa hanno fatto Romano Prodi e Vincenzo Visco sul fronte tasse: una torchiatura fiscale generalizzato. Del resto - ha aggiunto Capezzone - parlare in questo momento di Visco e fisco significa soltanto raccogliere decrescita". Questo governo, ha aggiunto Capezzone, "in questi mesi ha continuato a spendere, come dimostra del resto la gestione del cosiddetto tesoretto, evidentemente con il solo scopo di tenere alto il suo consenso".