Capitan Uncino aiuterà le suore

Spesso ci lamentiamo del fatto che i giovani siano perditempo, a volte irresponsabili e non si preoccupino dei problemi degli altri. Ma non sempre è così. Il «Gruppo Giovani» della parrocchia del Sacro Cuore di Carignano ha deciso di fare qualcosa di concreto per aiutare le missioni delle Suore Francescane di Nostra Signora del Monte e delle Suore della Misericordia a continuare i progetti di aiuto e sostegno nella Repubblica Democratica del Congo e nella Repubblica Centro Africana.
«Non siamo ancora maggiorenni e quindi non possiamo prendere parte in prima persona alle missioni - racconta Beatrice Zini, una delle ragazze del Gruppo Giovani - ma vogliamo comunque aiutare bambini e ragazzi come noi ma che non hanno le nostre stesse possibilità: è nata così l'idea di realizzare un musical. L'intero ricavato della serata sarà devoluto a due specifiche missioni: una delle quali riguarda la realizzazione di una scuola, mentre l'altra un progetto per la costruzione di un pozzo per l'acqua potabile».
Sono 16 i giovani, di età compresa tra i 14 e 17 anni, protagonisti dello spettacolo dal titolo «Capitan Uncino: un uomo impossibile», che andrà in scena questa sera alle ore 21 presso il teatro Carignano. Testi, regia e coreografie sono curate da Edoardo Quistelli. «È uno spettacolo fresco, divertente e insolito - raccontano Laura e Marta, due delle attrici - perché la storia di Peter Pan viene raccontata dal punto di vista dei vari personaggi, ma soprattutto da quello di Capitan Uncino». Non resta che fare un grande «in bocca al lupo» ai ragazzi la cui emozione è palpabile, non solo perché per molti di loro è la prima esperienza sul palco, ma soprattutto perché sono consapevoli che il loro gesto va molto al di là della semplice rappresentazione di un musical.