Capo dei vigili: il bando incorona il favorito

Garantisce Sergio Chiamparino. È al primo cittadino torinese che Marta Vincenzi, sindaco di Genova, ha chiesto notizie di Roberto Mangiardi, presentato ieri a Tursi come nuovo comandante della polizia municipale. Mangiardi era indicato dall’estate come «il» candidato della nuova giunta che però, per la scelta dell’incarico, ha preferito indire un concorso. Concorso vinto dallo stesso Mangiardi. Il nuovo comandante, che entrerà in servizio il primo dicembre, arriva da Torino. «Per questo voglio subito trovare casa a Genova per iniziare a respirare l’aria (e vedere i problemi) della città», racconta. Mangiardi, 45 anni, sposato e con due figli, dal 2004 era comandante vicario dei vigili torinesi. «Ha iniziato a fare il vigile a 18 anni, si è laureato mentre lavorava ed è autore di articoli e libri» racconta Marta Vincenzi. «È un cantuné, quello di cui c’era bisogno - aggiunge Paolo Pissarello, il vice sindaco-. Si occuperà di sicurezza, ma anche di traffico». Mangiardi sa che il vigile è sempre associato alle multe («si deve vedere che facciamo anche prevenzione») e sulle corsie gialle «aperte» alle moto è possibilista: «Sono fatte per i mezzi pubblici, ma se ne può discutere». L’ex comandante Remo Benzi ha scritto al sindaco dopo che è stato trasferito uno dei vigili che aveva raccolto le firme in suo sostegno. «Per il principio di giustizia nei suoi confronti e nei confronti di quanti auspicavano un mio ritorno, mi rivolgo a te perché revochi quel provvedimento ingiusto e innoportuno» scrive.