Capo Verde, due turiste italiane stuprate e uccise a colpi di pietra

Sopravvive una terza amica che lancia l’allarme. Arrestato uno degli assassini, la guida turistica, caccia al complice

Due ragazze italiane sono state assassinate nell’isola di Sal, nell’arcipelago di Capo Verde, al largo delle coste africane del Senegal. Una terza è riuscita miracolosamente a salvarsi dalla violenza degli assalitori che le hanno aggredite a scopo sessuale. Le due vittime sono entrambe giovani, tra i 20 e i trent’anni, mentre la terza, viva ma in stato di choc, sarebbe una minorenne di 17 anni. Una delle tre giovani sarebbe di Ravenna.
Il delitto è avvenuto a Fontona, una zona balneare scarsamente abitata dell’isola. Una delle sfortunate giovani era residente da tempo a Capo Verde, l’altra vittima era una turista come la ragazza che è sopravvissuta. Una guida turistica locale, in compagnia di un nigeriano, ha portato le tre amiche in un bosco per poi abusare di loro. Le due ragazze uccise sono state violentate e poi massacrate a colpi di pietra dai loro aguzzini che avrebbero anche tentato di nasconderne i corpi seppellendoli. L’allarme è stato lanciato proprio dall’unica superstite del drammatico agguato. «Giovedì sera - ha spiegato la ragazza con voce rotta in un’intervista a Sky Tg 24 - ero con le altre due ragazze che sono state trovate morte, in macchina con Sandro e un altro uomo che poi è stato arrestato. Doveva portarci a cena ma ci ha condotto in questo bosco e ha fatto quello che ha fatto. Non so come sono riuscita a riprendermi, dopo che mi ha tirato un sasso in testa, ho ripreso a camminare e sono venuta fino a Punta Maria a piedi, dove ho raggiunto il villaggio dei miei amici che mi hanno portato all’ospedale e alla polizia».
Particolari più dettagliati dovrebbero emergere nelle prossime ore. Infatti subito dopo l’allarme e il macabro ritrovamento dei corpi, una squadra di medici legali italiani si è diretta a Capo Verde per esaminare i cadaveri delle due ragazze. Dei due aggressori, la guida capoverdiana è stata arrestata mentre il nigeriano si è dato alla macchia ed è ricercato.