Capodanno tra botti, incidenti e sparatorie

Tre morti sulle strade, sette persone ferite dai fuochi d’artificio, un albergo parzialmente sfollato per un principio d’incendio causato da un petardo, nove auto bruciate e una sparatoria a Muggiò. Il bilancio di una notte in cui la festa ha lasciato spazio alla tragedia.
Gli episodi più gravi in viale Monza, via Gallarate e sulla Cassanese. Muoiono due pedoni e un automobilista. In viale Monza, intorno alle 3 di notte, un’auto travolge un italiano di 43 anni sceso dalla sua vettura in panne. Al volante, un giovane di 24 anni, che si dà alla fuga. Rintracciato nel primo pomeriggio dai vigili viene arrestato con le accuse di omicidio colposo e omissione di soccorso. Ancora, sette persone sono rimaste ferite a causa dei petardi. Il più grave, Andrea L. di 45 anni, ha perso tre dita di una mano. Bruciate nove auto in città, mentre in via Ozanam viene evacuato un albergo a causa di un principio d’incendio causato dai fuochi d’artificio.