Capodanno cinese In via Sarpi sfila il dragone

La Cina festeggia il capodanno e l’inizio dell’«anno del cane», colorando il quartiere Sarpi. La storica Chinatown meneghina è stata invasa, ieri pomeriggio da migliaia di cittadini. Fra danze in costume tradizionale cinese, acrobazie ed esibizioni di arti marziali, la comunità cinese ha animato il quartiere. Per quasi tre ore hanno sfilato (toccando anche il centro fra castello e Duomo) un drago beneaugurale lungo 30 metri, figure della cultura cinese, quali quella dell’imperatore e consorte, e ballerini vestiti da leoni o scimmie.«Viviamo molto bene in città perché il Comune ci ha dato sostegno» e a chi teme la potenza economica cinese «diciamo che la crescita della Cina aiuto anche il resto del mondo», ha detto Guangli Hu, presidente dell'Associazione cinese di Milano, spiegando che «il problema della convivenza è legato essenzialmente alla presenza per le vie del quartiere di carrelli per il trasporto delle merci, e quindi riconducibile alle 200 licenze per grossisti concesse dal Comune. Sono difficoltà di ordine pratico che si possono risolvere». E il capogruppo di An al Comune, Stefano di Martino conferma: «C’è grande collaborazione fra Palazzo Marino e comunità cinese e la festa del capodanno è uno stimolo in più per superare le difficoltà».