Capodanno, il clou è al porto Sul palco anche Boy George

La sorpresa Boy George, i grandi concerti riuniti al porto antico, i gruppi emergenti a De Ferrari-Matteotti. E il capodanno di Genova è servito. Stefano Francesca, braccio destro del sindaco, ha annunciato ieri sera che «il programma è fatto». La nottata di musica costerà fra i 300 e i 350mila euro: 80mila messi dal Comune, il resto dai privati. «Abbiamo scelto di riunire i grandi concerti al porto antico perché tutti, giovani e meno giovani, possano seguirli in tranquillità - spiega Francesca- Alle 22 inizierà la festa con Roberta Aloisio, poi salirà sul palco Antonella Ruggero. A mezzanotte, faremo tutti insieme il brindisi. Poi toccherà alla grande ospite della serata, Gianna Nannini, con il suo concerto». Non è finita. Alle 2 salirà sul palco Boy George. «Ci ha dato l’ok, è il colpo dell’ultima ora, un grande della musica degli anni Ottanta - spiega il Comune - Nelle piazze De Ferrari e Matteotti monteremo i maxischermi dove saranno proiettate le immagini del concerto al porto antico. Nelle pause, entreranno in gioco due gruppi emergenti genovesi, i Subway project e i Sunset boys. Con loro, i deejay che misceleranno musica degli anni Settanta e Ottanta».
La scelta di riunire i concerti al porto antico è dettata anche da ragioni di sicurezza: «Vogliamo che sia una festa, ci saranno controlli, sapremo gestire il grande afflusso di gente - riprende Francesca - Quella notte verranno potenziati i mezzi pubblici, la metropolitana viaggerà, ci saranno corse di autobus fino al mattino. Le squadre dell’Amiu assicureranno la pulizia». E da oggi si comincia con i manifesti e la pubblicità in tutto il nord Ovest. La nottata sarà trasmessa in diretta da Primocanale.