Il capogruppo del Partito democratico passa al Pdl

Incredibile ma vero: dopo alcuni screzi con i suoi colleghi, il capogruppo del Partito democratico in IV municipio Alfredo D’Antimi ha chiesto l’adesione al Popolo delle libertà. È stato lui stesso a dare l’annuncio. «Le politiche adottate dal sindaco Gianni Alemanno - ha scritto in una nota - si sono rilevate concrete oltre che innovative. Questo modello di amministrazione e il programma portato avanti finora, mi hanno convinto ad aderire al progetto politico del sindaco Alemanno e del Pdl. Ho deciso quindi di iniziare una forte collaborazione con un partito che può definirsi casa ideale per i cattolici, i moderati e per chi crede in un modello di città moderna a misura di tutti i cittadini, per chi crede nel rilancio delle periferie attraverso le grandi opere pubbliche e con spazi ben definiti per le famiglie e gli anziani. Ringrazio il coordinatore regionale del Pdl, l’onorevole Vincenzo Piso e il consigliere comunale, Marco Visconti. Governare un municipio così grande e complesso è molto difficile, ma c’è bisogno di una forte accelerazione su temi come quello della viabilità, dei lavori pubblici e le infrastrutture, dei servizi sociali e della scuola e per questo la politica è chiamata a fare scelte concrete e decise al fine di potenziare i servizi per i nostri concittadini». «Vado avanti con forza e con decisione assieme agli amici - ha concluso D’Antimi - cercando di portare nel Pdl un modello di fare politica moderato, moderno, e motivato dove emergano scelte e idee innovative». A commentare il «passaggio» di D’Antimi è stato Marco Visconti, il delegato del sindaco all’emergenza abitativa, il cui impegno per le fasce più deboli della popolazione si è rivelato determinante nel far aprire gli occhi a D’Antimi. «Accolgo con favore l’iniziativa di D’Antimi - ha detto Visconti - che ha deciso di dare il via ad una forte collaborazione con il Pdl. Sono certo che D’Antimi saprà portare nel nostro partito idee e spunti sui quali lavorare insieme in modo positivo e nell’interesse dei cittadini del territorio».