Il capolavoro di Mankiewicz con un cast portentoso

C'è un team portentoso di attori che basterebbe per cinque film. C'è una regia sapiente basata su una sceneggiatura (e un racconto originario di Mary Orr) a dir poco esemplare. E, più di tutto ciò, la storia portante di Eva contro Eva ripercorre le orme di un dramma antico come Matusalemme: l'insidiosa rivalità di una donna verso un'altra donna, complicata dal fatto che una è giovane, bella, in arrampicata verso il successo costi quel che costi; l'altra, benché celebre, viaggia verso il declino certo per l'età incalzante, per la prestanza sempre più appannata, per un disamore globale ormai inguaribile. Gli attori in questione sono, nell'ordine, Bette Davis, Anne Baxter, George Sanders, Celeste Holm, Gary Merrill, Thelma Ritter e - persino - un'esordiente, bravissima, Marilyn Monroe. Un'aspirante attrice (Baxter) s'insinua nell'entourage della bizzosa diva del momento (Davis) e tanto briga, tanto sgomita da soppiantarla sulle scene e nella vita in modo spietato. Omaggiato di ben tre Oscar per Mankiewicz (film, regia, sceneggiatura) e dell'Oscar come miglior interprete a George Sanders, Eva contro Eva non riscosse alcun riconoscimento per la superlativa performance di Bette Davis, mattatrice incontrastata dell'apologhetto morale.

EVA CONTRO EVA - 20th Century Fox (due dvd) - Euro 25