Il capolavoro nel cassetto del Responsabile dissidente

«Come scrittore sono molto meglio di Fabio Volo, che trovo prevedibile e scontato». Luciano Sardelli (nella foto), deputato Responsabile ora dissidente e passato al Misto, a Un Giorno da Pecora (su RadioDue) ha dato sfoggio delle sue qualità extra-professionali, «declamando» una sua poesia dedicata alle cravatte, e intonando i versi di una canzone scritta per Silvio Berlusconi. «Appurato che si sente uno scrittore di ottimo livello - lo hanno stuzzicato i conduttori - come poeta si ritiene meglio o peggio di Sandro Bondi?». «Non c'è paragone, io sono molto meglio di Bondi». Poi Sardelli accenna la poesia «Le mie cravatte». «Le mie cravatte, diverse come i miei giorni, sono aperte su cieli azzurri, fredde di montagne innevate, deserte in spazi metafisici di fantasie geometriche...». Dopo la poesia, il deputato ha svelato di aver scritto, anni fa, una canzone per il Cavaliere di cui oggi forse si è pentito: «Forza avanti grande Silvio, che di tutti sei il più saggio. Forza avanti e il tuo mestiere, di guidarci in questo viaggio». Bene, ma forse Volo è meglio.