Cappellino all’inglese per le vigilesse

Che i ghisa milanesi debbano aspirare al modello inglese è noto da anni. Il primo indizio si ebbe quanto l’ex comandante dei vigili, Antonio Chirivì bacchettò i suoi uomini e dettò un codice di «buone maniere». Poi venne il manganello tanto simile a quello dei bobby. E il 4 ottobre, in occasione della festa dei vigili al Teatro Piccolo, toccherà al comandante in carica, Emiliano Bezzon, annunciare una nuova svolta che farà volare le menti direttamente Oltremanica. Dalla prossima settimana, infatti, le circa mille vigilesse avranno un nuovo cappello, più femminile, simile al baschetto che indossano le poliziotte inglesi.
La novità, una volta tanto, ha il benestare pure dei sindacati. «È estremamente positivo - approva infatti il portavoce del Coordinamento sindacale autonomo, Roberto Miglio -, le ragazze della polizia locale quando ne sono venute a conoscenza hanno apprezzato molto la novità».