«Capraia abbandonata da tutti»

Capraia non è meno affascinante di Montecristo. Ma mentre per quest’ultima è in corso un accurato progetto di tutela e valorizzazione, per la prima tutto sembra sprofondato nell’oblio. L’intera area dell’ex colonia penale è al centro di un’annosa disputa burocratica che, di fatto, ne blocca le potenzialità di sviluppo. Se adeguatamente ristrutturato, infatti, l’edificio potrebbe accogliere dai 600 ai 900 posti letto utilizzabili in chiave turistica. A sottolineare l’immobilismo delle istituzioni è, da anni, lo storico primo cittadino (attualmente vicesindaco) di Capraia, Gaetano Guarenti: «Demanio e ministero di Grazia e Giustizia si rimbalzano la competenza circa la colonia penale che è diventata terra di nessuno». Una situazione che consente a personaggi di pochi scrupoli di fare operazioni immobiliari dai profili poco chiari. «Capraia è un patrimonio che meriterebbe, da parte dello Stato, norme precise e finanziamenti adeguati. Invece le promesse si sprecano, mentre i fatti restano a zero», conclude Guarenti.