Capranica (Vt) Imprenditore cingalese segrega e violenta per mesi un’operaia

Ha tenuto segregata per mesi e ha violentato una giovane di 28 anni, immigrata dell’Est europeo, operaia nella sua azienda. Per un imprenditore cingalese di 21 anni, residente a Capranica (Viterbo) è stato arrestato per sequestro di persona e violenza sessuale. L’uomo, secondo i carabinieri, avrebbe rinchiuso la ragazza in una stanza della sua azienda (un allevamento di animali esotici) e avrebbe abusato di lei. Per impedirle di fuggire e di avere contatti con l’esterno le avrebbe tolto il passaporto e il telefonino cellulare. La giovane, approfittando dell’assenza del cingalese, è riuscita a telefonare ai carabinieri che hanno fatto irruzione nell’azienda e l’hanno liberata. Stando a quanto raccontato dall’operia agli investigataori, la sua segregazione in una stanza dell’allevamento sarebbe durata alcuni mesi. L’uomo è stato arrestato e rinchiuso nel carcere viterbese di Mammagialla.