Capri sotto choc, stuprata una 17enne francese in vacanza

La ragazza è stata trovata da un netturbino in via Cerio, vicino alla Piazzetta, questa mattina ancora in stato di incoscenza. Nel sangue un elevato tasso alcolico. Era in vacanza con alcune amiche. Gli investigatori visionano i filmati delle telecamere del centro dell'isola

Capri - La violenza in vacanza. Una ragazza di 17 anni, di nazionalità francese, è stata violentata nella notte a Capri. La giovane è stata trovata in stato di incoscienza in strada da un operatore ecologico, ed è stata portata in ospedale dove i medici hanno constatato la violenza e le hanno applicato cinque punti di sutura. La ragazza è in vacanza sull’isola con alcune amiche. È stata trovata in stato di incoscienza in via Ignazio Cerio, vicino a via Camerelle, la strada delle boutiques non lontana dalla celebre Piazzetta. Secondo indiscrezioni, le analisi effettuate nell’ospedale Capilupi di Capri avrebbero evidenziato un elevato tasso alcolemico nel sangue della 17enne.

Le telecamere Sull’aggressione stanno indagando gli agenti del commissariato di Capri, diretto dal vicequestore Stefano Iuorio. La polizia sta ascoltando le amiche della ragazza e sta visionando i filmati registrati dalle videocamere di sorveglianza esistenti in zona. La giovane è stata dimessa dall’ospedale Capilupi. Sulla notte di terrore vissuta, la turista francese non ha saputo fornire molti elementi agli agenti del commissariato.

La testimonianza degli amici Sono stati interrogati per diverse ore i tre amici che hanno trascorso la prima serata di ieri insieme con la 17enne francese. Si tratta di un’amica che divide la camera d’albergo con la giovane e di un’altra turista francese e del fidanzato italiano alloggiati in un altro albergo di Capri. I tre hanno raccontato agli agenti del commissariato dell’isola di aver trascorso la serata in due locali, il Lambertu e Le Clochard. In quest’ultimo la 17enne avrebbe conosciuto un ragazzo con il quale sarebbe uscita per una passeggiata. I tre amici non hanno saputo dire se il giovane fosse italiano o straniero. Quando i tre ragazzi sono usciti dal locale alla ricerca dell’amica francese e non l’hanno trovata, hanno pensato che si fosse appartata con il giovane appena conosciuto.

Identikit La 17enne, ancora in stato confusionale, non è stata ancora ascoltata dagli investigatori, che tuttavia grazie alla testimonianza dei tre amici avrebbero ricostruito un primo identikit del violentatore che sarebbe un giovane di circa 20 anni. L’impressione è che il cerchio si stia chiudendo e l’identificazione dell’autore della violenza sarebbe ormai prossima, anche grazie ai filmati delle telecamere a circuito chiuso dei vari negozi di via Camerelle che potrebbero aver ripreso la passeggiata della turista francese e del suo aggressore.