Caprotti: "Ho dovuto aspettare 43 anni per aprire un'Esselunga"

Cinque giorni per aprire un'attività e 233 per una licenza edilizia, come calcolano le statistiche di Doing Business? Non ditelo a Bernardo Caprotti

Cinque giorni per aprire un'attività e 233 per una licenza edilizia, come calcolano le statistiche di Doing Business? Non ditelo a Bernardo Caprotti, il patron di Esselunga che a ottobre compirà - in gran forma - i 90 anni. Per inaugurare il punto vendita di Novara ha dovuto attendere 20 anni. Per quello di Prato ce ne sono voluti 12. Sempre alle porte della renziana Firenze, nella frazione di Galluzzo, un altro super-store ha arrancato per 43 anni fino all'apertura avvenuta lo scorso novembre. «E ognuna di queste strutture dà lavoro a un sacco di gente», ha commentato al taglio del nastro di Prato, dove si era confuso tra i clienti per fiutare l'aria che tira.

A Prato lavorano 150 persone di cui 100 nuovi assunti su una superficie di 4.400 metri quadrati e con un investimento di 70 milioni; al Galluzzo sono impiegati 130 dipendenti in una struttura di 2.500 metri quadrati. Questo supermercato si trova a poca distanza dall'uscita Firenze Impruneta dell'Autosole. «Acquistai l'area nel 1971 - ha raccontato Caprotti -. Quindici anni per ottenere il cambio di destinazione d'uso del terreno, tre anni per l'approvazione del piano guida, quattro per il piano urbanistico esecutivo e altri tre per il permesso di costruire». L'ultimo intoppo è stato un raccordo di tre chilometri e mezzo che dovevano realizzare Anas e Autostrade per l'Italia, una bretella per liberare dal traffico la vecchia viabilità tra Firenze e la superstrada per Siena. Il comune di Firenze aveva subordinato l'apertura del punto vendita all'entrata in funzione della nuova tangenziale. Doveva essere pronta nel 2008 mentre è stato realizzato soltanto il lotto di competenza Anas.

La storia del «bypass del Galluzzo» è la storia d'Italia: ritardi, indecisioni, aziende fallite, sprechi, costi moltiplicati. Ma Caprotti non ne fa una questione politica: all'inaugurazione era presente il sottosegretario Luca Lotti, braccio destro del premier ex sindaco. Proprio l'amministrazione Renzi aveva sbloccato la pratica impantanata.

Pochi mesi prima di queste tre aperture (Novara, Prato e Firenze) Caprotti aveva scritto una lettera al Corriere della Sera raccontando quant'è difficile fare l'imprenditore in Italia: Esselunga «deve difendersi dalla pubblica amministrazione in tutte le sue forme e a tutti i suoi fantasiosi livelli ogni giorno che Dio comanda. Tassata al 60 per cento, non più minimamente libera di scegliersi i collaboratori (la signora Fornero ha “garantito” anche i soggetti assunti in prova), Esselunga si trascina. Porta ancora avanti vecchi progetti, cose nelle quali, incredibile dictu , si era impegnata ancora al tempo delle lire».

Caprotti ricordava di non riuscire a insediarsi a Genova o Modena, «per non dire di Roma ove io poco, ma i nostri urbanisti si sono recati forse 2.000 volte in dodici anni nel tentativo di superare ostacoli di ogni genere, per incontrare adesso il niet del nuovo sindaco del quale si può dire soltanto che è un po' opinionated ». E aggiungeva: «Per realizzare un punto vendita occorrono mediamente da otto a quattordici anni. L'azienda si avventura ogni giorno in una giungla di norme, regole, controlli, ingiunzioni, termini, divieti che cambiano continuamente col cambiare delle leggi, dei funzionari, dei potenti. Uno slalom gigante con le porte che vengono spostate mentre scendi. E con un carico fiscale esiziale».

Commenti

unz

Lun, 22/06/2015 - 22:47

la tigna di Caprotti è veramente eroica

Ritratto di odoiporos

odoiporos

Lun, 22/06/2015 - 22:52

che c'èdi strano? Nel paese dei Soviet è chiaro che una persona libera e laboriosa come caprotti incontri difficoltà! E poi si permettono di dare del mafioso agli altri sti Toscani/emiliani! Sono i primi ad imporre il pensiero unico e se non la pensi come loro scordati di poter fare qualcosa! Roba da panico!

alkt90

Lun, 22/06/2015 - 22:52

Se ci fosse stato Berlusconi al governo..non sarebbe stata esclusa esse?unga da expo...

Alessio2012

Lun, 22/06/2015 - 22:55

Se era comunista gliela aprivano in 2 giorni...

claudio63

Lun, 22/06/2015 - 23:02

Caprotti 90 anni suonati, e tuttio il rispetto per un vecchio leone dell'imprenditoria italiana,che avrebbe potuto godersi i propri investimenti all'estero, eppure ha continuato a lavorare e far lavorare qui in Italia. Un bell'esempio per i vari Benetton, Illy Eataly and company con il cuore a sinistra, il portafogli a destra ed il visto per paesi dell'Est Europa sul passaporto....

Ritratto di Zione

Zione

Lun, 22/06/2015 - 23:05

Bravo grande Caprotti, vai forte come il Cavaliere; speriamo soltanto che almeno quei MONA (e i loro Compari del Giudiciume) che rompono sempre i TOTANI a chi cerca di Lavorare seriamente, riescano finalmente a capire che il Popolo è STUFFIO di sopportarli oltre.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 22/06/2015 - 23:25

I mostruosi tempi che il signor Caprotti ha dovuto subire per aprire le sue attività sono la prova che LA BUROCRAZIA È INFESTATA DA FUNZIONARI DI SINISTRA CHE SABOTANO LA LIBERA IMPRENDITORIA PER AVVANTAGGIARE LE COOP ROSSE. Questa infame sordida e devastante attività sotterranea dei trinariciuti dislocati nei gangli del potere del nostro paese DOVREBBE VENIRE ALLA LUCE CON UNA SERIA INCHIESTA GIORNALISTICA CHE LA GABANELLI SI GUARDA BENE DAL FARE. Essendo lei parte attiva in questa quinta colonna antidemocratica che distrugge il nostro paese.

forbot

Lun, 22/06/2015 - 23:28

Grande ammirazione per il Sig. Caprotti e infiniti Auguri di lunga Vita e per come sono dirette le Sue Esselunga, nelle quali ci sentiamo al sicuro e protetti sia nella qualità dei prodotti che nei prezzi. Sig. Caprotti, mi permetta dire ancora una cosa: L'Italia, ad imprenditori come Lei, dovrebbe fargli strade d'oro. Ad majora.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 22/06/2015 - 23:38

Per forza!!!!NON AVEVI LA TESSERA DEL PCI PDS DS e PD!!!lol lol Saludos dal Leghista Mozese

alox

Lun, 22/06/2015 - 23:39

Il GOVERNO DEVE STAR FUORI DALL'ECONOMIA!

Ritratto di mambo

mambo

Lun, 22/06/2015 - 23:39

Solo le coop spuntano come funghi da tutte le parti, ed i comuni predispongono, a spese dei cittadini, svincoli e rotatorie per facilitarne l'accesso. Se Caprotti avesse imitato DE Benedetti non avrebbe avuto problemi. Questa è la democrazia comunista di stampo sovietico, l'unica esistente oggi nel mondo.

Ritratto di mambo

mambo

Lun, 22/06/2015 - 23:47

e che dire del capitalista Benetton al quale la sinistra ha regalato le più belle ed efficienti nostre aziende IRI come Autostrade Spa.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 23/06/2015 - 00:08

CARO FORBOT condivido in pieno quanto scrivi nel tuo postato delle 23 e28. Saludos dal Nicaragua.

vinvince

Mar, 23/06/2015 - 03:46

Grazie Sig. Caprotti ... la coop sono loro !!! E noi non abbiamo niente a che fare con certa gente....

Ritratto di thunder

thunder

Mar, 23/06/2015 - 05:30

Mafia capitale...? e' tutta una mafia!

vince50_19

Mar, 23/06/2015 - 07:22

Caro Caprotti, dall'alto dei tuoi anni e della tua esperienza dovresti sapere che quell'accomandita di furbetti è da sempre stata la cinghia di trasmissione (economica) del Pci, Pds, Ds, Pd (in futuro "Io so io.."? Boh..). Non per nulla nel governo c'è un tal Poletti che è stato per lungo tempo al vertice di Legacoop, ergo tutti gli ostacoli che hai incontrato hanno una loro "logica", perversa naturalmente. Per non parlare di qualche rappresentante del governo affiliato a logge massoniche, come sostiene l'auto dichiarato massone Gioele Magaldi. Il problema è tutto qui: la massoneria è trasversale alla politica italiana, ahimè.. Anche se c'è chi a queste faccende da poco peso, certe verità fastidiose sono innegabili!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 23/06/2015 - 07:25

Inutile spiegare ai trinariciuti,sono quelli che dicono: mio papà votava Komunista ed anch'io voto komunista.Certo se avesse avuto la tessera n°1 avrebbe pure potuto smantellare una ditta florida in Ivrea ed essere riconosciuto come un grande imprenditore.Ma si sa che il komunismo non ha mai portato bene in nessuna parte del mondo.Forza Caprotti anche se questa ITAGLIA non ti meriterebbe,fallo per gli italiani onesti.

istituto

Mar, 23/06/2015 - 07:37

E per aprire EatItaly il fondatore nonché compagno PD nonché Renziano di ferro, quanto ci ha messo ? Indovinate un po ?

paci.augusto

Mar, 23/06/2015 - 08:10

Questo bravissimo imprenditore ha la gravissima 'colpa' di essere il più temibile concorrente delle coop nella grande distribuzione. TUTTE le amministrazioni rosse d'Italia, e sono tantissime, fanno l'impossibile per evitare che l'ESSELUNGA apra supermercati nei loro territori!! E' la democrazia comunista!! Anche a Livorno, la' Stalingrado d'Europa ' dopo oltre 60 anni, c'é voluto il cambio dell'amministrazione rossa per sperare in una prossima apertura di Esselunga in questo MONOPOLIO COOP!!!!

Beaufou

Mar, 23/06/2015 - 08:12

Chapeau a Caprotti e alla sua Esselunga. Ce ne fossero tanti come lui, avremmo dato una svolta alla nostra economia e alla nostra politica già da un bel po'.

Ritratto di manasse

manasse

Mar, 23/06/2015 - 08:35

LA BUROCRAZIA è IL PEGGIOR CANCRO PER L'ITALIA CHE LAVORA,SE NON SI PONE RIMEDIO A QUESTA SCONCEZZA IL PROGRESSO è UN UTOPIA PROPRIO COME IL COMUNISMO CHE L'HA CREATA

Ritratto di Senior

Senior

Mar, 23/06/2015 - 08:46

Sono certo che se fosse stato di sinistra non avrebbe aspettato nemmeno una settimana. Basta questo per significare il perché la sinistra dovrebbe togliere la "D" dalla sua sigla. senior

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 23/06/2015 - 09:47

mi sembra strano! Eppure i cinesi aprono subito qualsiasi attività!

paràpadano

Mar, 23/06/2015 - 09:48

Caprotti un vero grande uomo, come ce ne sono pochissimi, e metterei al suo stesso livello Dal Vecchio .

GiulioP

Mar, 23/06/2015 - 09:50

E' evidente che se non fai parte della lobby (o cricca o mafia, che dir si voglia) di sinistra, nei territori da loro governati non lavori ... questo vale per tutti ... o fai parte della "grande famiglia rossa" o sei fuori dai giochi ... e visto che in Italia, almeno a livello locale, la sinistra l'ha fatta quasi ovunque sempre da padrona, c'è poco spazio per i tipi "indipendenti" come Caprotti.

Ritratto di gioab

gioab

Mar, 23/06/2015 - 09:54

Purtroppo i comunisti sono uno stato nello stato

Angela P.

Mar, 23/06/2015 - 10:32

Prego DIO che la mantenga in salute per tantissimi anni. Abbiamo bisogno di persone in gamba come Lei. Peccato che non si possa clonare all'infinito.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 23/06/2015 - 10:41

Ha ragione Doing Business, solo che non precisa che le sue statistiche includono le coop i cui tempi di attesa sono..... zero, anzi le amministrazioni rosse quasi sempre aggiungono ai benefici di cui già godono altri privilegi in tema di viabilità, urbanismo ecc. A proposito poi di concorrenza sleale, Caprotti é tassato al 60%, le coop a quanto????

giovanni PERINCIOLO

Mar, 23/06/2015 - 10:44

do-ut-des. Grazie per il tuo raglio, ci mancava. Ora attendiamo luigilopiscio & co.

bruna.amorosi

Mar, 23/06/2015 - 11:35

poi mettono magistrati per prevenire la corruzzione .e specie a sinistra vanno avanti solo per favori tutti personali domandatevi quanto tempo ci mette una Coop .

lucah74

Mar, 23/06/2015 - 11:45

ogni anno che passa e qualsiasi attività commerciale non riesce ad aprire è una grande perdita in primis per un lavoratore e per lo stato. per il lavoratore la dignità di poter lavorare e lo stato introiti e tasse in meno.. che strambo paese in cui si vive..certo avere tutta questa pazienza per 43 anni ripeto 43 anni...quanti dipendenti all'apertura sarebbero andati in pensione e 43 anni di tasse non pagate..

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 23/06/2015 - 12:00

Diamo una buona volta il vero nome alla burocrazia che è :posti di lavoro inutili creati ad hoc per i cattocompagncomunisti per allettare,compensare,incrementare i loro voti. Il compagno fa quasi sempre la parte del leone nella burocrazia.La burocrazia non è utile a nulla, tranne per i voti al compagno citati prima,la sua funzione si espleta solo con l'interdizione (ti impedisco,ti rallento,ti blocco questo o quello) ed il ricatto dove i compagni, scolari dell'ex URSS,ora son diventati maestri insuperabili.

Libertà75

Mar, 23/06/2015 - 12:02

Sig. Caprotti, la ringrazio per essere stato uomo ed esempio per tutti. La virtù spesso non viene apprezzata, grazie di esistere!

Libertà75

Mar, 23/06/2015 - 12:02

Per Renzi, guardi il lavoro non si crea andando nel talk show (cit. Renzi)

swiller

Gio, 08/12/2016 - 14:27

È stato un grande uomo contro i delinquenti criminali della sinistra.