Car sharing: piace ai milanesi l’auto in affitto

Fino ad oggi 500 richieste. Soddisfatto il Comune: «Entro la fine dell’anno supereremo quota mille»

Cento giorni di «car sharing», l’auto in affitto che fa risparmiare e diminuire il traffico (www.guidami.net). Gabriele Albertini traccia un primo bilancio dell’esperimento: «Ad oggi le iscrizioni in città al servizio di auto in condivisione e in affitto sono oltre 500. Le vetture disponibili sono 66, dislocate in 20 autorimesse cittadine». Secondo il sindaco «entro la fine dell’anno l’utilizzo del servizio supererà quota mille e una ricerca del Politecnico dice che nel giro di sette anni il car sharing milanese arriverà a contare una flotta di 800 vetture con 15mila utenti. Questo comporterà una riduzione di oltre 14mila autoveicoli che, compiendo un basso chilometraggio annuo, sostano inutilmente in strada per lunghi periodi della settimana. In pratica, questo significa avere 14mila auto parcheggiate in meno». L’occasione serve anche per presentare l’intesa siglata con gli albergatori milanesi, cento dei quali aderiranno al servizio «Guidami».
Altra novità, sempre in tema di alberghi e di parcheggi, è la decisione di riservare un’area di sosta davanti agli hotel per favorire le operazioni di carico e di scarico. A queste zone potranno accedere, oltre a taxi, pullman turistici e vetture di servizio pubblico, i veicoli autorizzati, riconoscibili da un apposito contrassegno rilasciato agli alberghi. «La vocazione ricettiva di Milano è sempre più rilevante - spiegano Albertini e l’assessore Giorgio Goggi -. Gli alberghi sono concentrati soprattutto nel centro, dove però l’offerta di sosta disponibile è minore». Per ora le richieste arrivate dagli albergatori sono cento, 74 quelle già esaminate e autorizzate e 20 le aree di sosta davanti alle strutture alberghiere già predisposte.