«Cara democrazia», il singolo di Fossati

Con «Cara democrazia» un Ivano Fossati insolitamente duro anticipa «L’arcangelo», cd in uscita il 3 febbraio a tre anni dal precedente. Il brano, da oggi nelle radio, racconta una civiltà di «devotissimi della Chiesa/ fedelissimi del pallone/ nullapensanti della televisione», e lo scadimento dei grandi ideali civili a «democrazie pubblicitarie/ democrazie allo stadio». «Andiamo verso una democrazia di mercato» che ignora poveri e anziani, lascia impunite le stragi, spiega Fossati definendo questa irruenta canzone «un’esortazione civile che non ha niente a che fare con la politica».