Carabinieri evitano un suicidio per amore

Ha tentato di togliersi la vita dopo la fine della relazione con la compagna. A chiudere la loro storia era stata lei e lui non riusciva a darsi pace. A salvare un uomo di 45 anni, genovese, sono stati i carabinieri. L’uomo, lasciato dalla sua compagna, aveva tentato di uccidersi tagliandosi le vene dei polsi.
A chiedere l’intervento dei carabinieri era stata proprio la ex fidanzata preoccupata dal fatto che il 45enne non rispondeva più al cellulare e dalle parole di lui che aveva espresso i suoi propositi suicidi dopo l’interruzione del rapporto. La «caccia» all’aspirante suicida è durata dalle 11 di lunedì sera fino alle 2 del mattino e si è basata sulle tracce lasciate dal cellulare dell’uomo sui ponti radio. Le ricerche sono cominciate dalla zona di via Gobetti, da dove l’uomo si era allontanato al volante della sua auto. Seguendo le tracce del cellulare, i militari hanno localizzato alle due del mattino la macchina in un parcheggio nei pressi del casello autostradale di Genova Est. Qui l’uomo si era procurato ferite, non gravi, ai polsi pensando di morire dissanguato.