Carabinieri, Siazzu nuovo comandante

Laureato in Scienze strategiche, ha ricoperto numerosi incarichi nell’Arma

Il generale di corpo d’armata Gianfrancesco Siazzu è il nuovo comandante generale dell’Arma dei carabinieri. La cerimonia di avvicendamento - alla quale ha presenziato, tra gli altri, il presidente del Consiglio Romano Prodi - si è svolta l’altro ieri presso la caserma «Palidoro» di Roma. Presenti anche il ministro della Difesa, Arturo Parisi, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, l’ammiraglio Giampaolo Di Paola, il comandante generale dei carabinieri cedente, Luciano Gottardo, il ministro dell’Interno Giuliano Amato, il viceministro Marco Minniti, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta, molti parlamentari, dall’ex ministro Martino al presidente del Copaco, Enzo Bianco. Presenti i vertici delle forze armate e di polizia, il capo del Sisde e quello del Cesis.
Il generale Siazzu, nato a Forlì il 20 agosto 1941, sposato, due figli, ha intrapreso la carriera militare nel 1961, frequentando i corsi dell’Accademia militare di Modena e della Scuola di applicazione di Torino. Nel 1966 è passato nell’Arma dei carabinieri con il grado di tenente in servizio permanente. Da ufficiale superiore ha ricoperto numerosissimi incarichi, tra i quali quello di comandante interregionale carabinieri alla caserma «Pastrengo» di Milano fino a qualche giorno fa. È laureato in Scienze strategiche ed è stato insignito di numerose onorificenze.