Carceri, oltre 27mila celle in Italia ma soltanto 4mila sono a norma

La spesa non vale l’impresa carceraria. Perché le somme di denaro dilapidate negli anni per la manutenzione ordinaria e straordinaria di vecchie prigioni raggiungono vette impensabili. Solo una percentuale bassissima di strutture rispetta le norme dello Stato, così come previsto dal nuovo ordinamento penitenziario che impartisce regole ferree sul trattamento dei detenuti e sui locali che li ospitano. Infatti su oltre 27mila celle soltanto 4mila sono a norma. «Il 50 per cento delle carceri - ha detto il ministro della Giustizia Alfano - sono da chiudere. Oggi abbiamo 58mila detenuti rispetto ai 47mila di un anno fa, e i posti realmente disponibili sono 37mila».