Una card per assistere alla finale Champions e visitare i musei di Roma

Presentato il progetto, al quale hanno preso parte la Figc, Coni Servizi e il Comune capitolino con il contributo dell'Uefa, per la sfida del 27 maggio all'Olimpico. Per la prima volta uno strumento unico consentirà l'accesso allo stadio e la possibilità di beneficiare di servizi collegati

Mancano 100 giorni alla finale di Champions League che dopo 13 anni tornerà allo stadio Olimpico di Roma. Nella sede delle «Vernicerie delle Officine storiche» della capitale, è stato presentato il sistema di vendita dei tagliandi per la finale, in programma il 27 maggio. Ma la novità è la card, nata dal progetto al quale hanno preso parte la Figc, Coni Servizi, il comune di Roma con il contributo dell'Uefa. Per la prima volta nella storia della manifestazione, uno strumento unico (appunto la card) consentirà l'accesso all'Olimpico per la visione della partita , ma anche l'utilizzo gratuito dei trasporti pubblici nei tre giorni a ridosso dell'evento (26, 27 e 28 maggio) e l'accesso sempre gratuito ai Musei Capitolini e all'Ara Pacis. In passato, solo a Gelsenkirchen nel 2004, era stata utilizzata una card che garantiva l'accesso allo stadio ma nessun'altra facilitazione era associata ad essa. La card è uno strumento di alta tecnologia: sul supporto in possesso del fruitore verrà infatti caricato un biglietto nominativo in formato digitale che, grazie alle infrastrutture presenti nell'impianto, verrà letto dal tornello dello stadio. L'Uefa ha approvato il progetto, sottolinenando i due aspetti più positivi: maggiori garanzie in termini di sicurezza e nei confronti della contraffazione e velocizzazione dei tempi di ingresso allo stadio. Il 2 marzo alle ore 12 sul sito Inter www.uefa.com partirà invece il sistema di prenotazioni dei biglietti per la finale. Fino al 16 marzo sarà possibile richiedere i 10.000 tagliandi - massimo due a persona - messi a disposizione (tre le categorie da 200, 140 e 90 euro). Una volta chiuso il periodo di richiesta, l'assegnazione avverrà attraverso un sorteggio. Altri 40.000 biglietti (20.000 per ogni tifoseria che avrà la sua squadra in finale, tra questi anche i tagliandi di quarta categoria da 70 euro, in praticale due curve dell'Olimpico) saranno distribuiti dai due club: quindi il 75 per cento dei tagliandi è riservato al pubblico e ai supporters delle finaliste. La quota rimanente (17.000 tagliandi) sarà destinata alla famiglia europea del football, che include Uefa, il comitato organizzatore locale, le federazioni nazionali, i partner commerciali e i detentori dei diritti tv. Alla conferenza stampa erano presenti per l'Uefa il vice presidente Mario Lefkaritis e il responsabile del Dipartimento Competizioni Europee Giorgio Marchetti; per la Figc il vice presidente Demetrio Albertini; per il Comune di Roma Pietro Di Paolo e per il Coni Emilio Di Toro, entrambi delegati al progetto.