Il cardinale: «Una mia formazione politica? Non esiste»

Nello stesso giorno in cui, dalla Calabria, il Papa Benedetto XVI sottolinea che i cattolici non sono in politica per interessi di parte e rivolge un appello «ad una nuova generazione» di uomini e donne capace di impegnarsi «per il bene comune», prende la parola anche il presidente della Cei Angelo Bagnasco. A margine della visita pastorale alla comunità rom di Bolzaneto, a Genova, Bagnasco (nella foto Ansa proprio durante la cerimonia al campo nomadi) ha risposto direttamente al «Giornale» il cui titolo di prima pagina di ieri faceva riferimento a un progetto politico del cardinale. Bagnasco, incalzato dai giornalisti, ha sottolineato che non esiste un suo partito: «Non esiste nessun partito di Bagnasco - ha spiegato di fronte ai numerosi cronisti. Certamente sarebbe assurdo. Non ho altro da aggiungere». Parole esplicite, per rispondere al nostro titolo di ieri: «Il partito di Bagnasco». Corredato dal sottotitolo: «Da Scajola a Casini tutti vogliono sposare il progetto politico del cardinale. L’idea? Scippare il Pdl a Berlusconi». Almeno a parole, dunque, nessuna discesa in campo all’orizzonte.