Il cardinale Tettamanzi: «Un clima politico denso di veleni e sospetti»

«Viviamo tempi difficili per le istituzioni repubblicane, numerosi segnali d’allarme sono tristemente risuonati in questi mesi. Preoccupanti episodi di corruzione morale, aggressività politica e accanimento mediatico hanno generato un clima politico denso di veleni e sospetti e un pesante crollo di fiducia dell’opinione pubblica nei confronti delle istituzioni». È quanto ha dichiarato ieri Monsignor Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, durante la cerimonia della benedizione della Madonnina, svoltasi al 39º piano del nuovo grattacielo della Regione Lombardia, alla presenza del governatore Roberto Formigoni. «Alcune sortite da parte di figure istituzionali - ha sottolineato Tettamanzi - non hanno talora mancato di contribuirvi con pronunciamenti indebiti, che più che stigmatizzare mali personali o strutturali, sono andati a ledere l’immagine e l’autorevolezza delle istituzioni stesse».
«Abbiamo profondamente bisogno di un progetto politico di amplissimo respiro - ha aggiunto il cardinale - cui affascinare le nuove generazioni e attrarre le migliori energie della società civile. Dico politico in senso alto. A noi è affidato il compito di edificare la città del futuro. Guardando dall’alto, dalle impressionanti vedute che si dispiegano ai nostri occhi, respiriamo l’ebbrezza esaltante del compito cui siamo chiamati».