Carfagna, anche lei è su Scherzi a parte

Edizione numero 11 e squadra che, ancora una volta, cambia. Resta l'attore e (ormai a pieno titolo) conduttore Claudio Amendola e arrivano due personaggi televisivamente agli antipodi: il perfido e fulminante Teo Mammucari con la dolce e arrendevole Belen Rodriguez. Tutti in pista da giovedì prossimo in prima serata su Canale 5. «Scherzi si inserisce, come il Grande Fratello, Amici e Striscia la notizia, in un filone di programmi di lunga durata che sappiamo ben rinnovare», dice Massimo Donelli, direttore di Canale 5. Uno scherzo è stato fatto anche a Fatma Ruffini, ideatrice del programma, ma lei non ha firmato la liberatoria, come già in passato è successo con Mike Bongiorno o Andriy Shevchenko. Tra le vittime di quest'anno Valentina Vezzali, Gigi D'Alessio, il ministro Carfagna. Ci saranno otto puntate, non è stato facile realizzarle, come spiega l'autore Marco Balestri: «All'inizio non era un problema, Little Tony ancora oggi mi guarda in cagnesco per uno scherzo che gli combinammo. Ora siamo arrivati a quota 800 scherzi, è complicato».