La carica dei preti contro il Papa

Aumentano a Genova i sacerdoti che vogliono interferire sulla decisione del Pontefice di ricevere la delegazione del Partito popolare europeo «causa un gravissimo turbamento dei fedeli». Dopo Don Farinella e Don Balletto, adesso è la volta di don Andrea Gallo, il «prete da marciapiede» genovese, come lui stesso si definisce, fondatore della Comunità di San Benedetto.
«In questo ultimo decennio - spiega don Gallo - la Chiesa si sente come una fortezza assediata e quindi mette in campo le sue difese cercando alleati. Il nuovo papato di Benedetto XVI dimostra una continuità marcata. Cerca collaborazione e di dare spazio ai moderati».
«Il mio - ha aggiunto il sacerdote - non è un giudizio personale, ma la voce dei lontani, quella parte di credenti che sono la maggioranza nella Chiesa. Non è una questione di nomi, di chi sarà ricevuto o meno: ci sono persone, come Rutelli, che credo si travestirebbero da belga pur di esserci. Il problema è che un incontro di questo tipo, collocato in questo momento, con la campagna elettorale in corso, dimostra un piano».