Carica Iachini: «Da oggi nuovo campionato»

«Oggi inizia un nuovo campionato per noi». Non usa giri di parole Beppe Iachini. Da oggi si riparte con un unico obiettivo in testa: scalare la classifica del campionato di serie B e puntare, in un modo o nell’altro, alla promozione. Al Ferraris c’è il Varese ma soprattutto una squadra rinnovata. Negli uomini in primis, con gli arrivi di Berardi, Juan Antonio (già disponibili e convocati con l’argentino possibile titolare) e Mustafi (per cui manca ancora il transfer) e con i tagli praticamente ufficializzati di Semioli, Maccarone e Accardi, non convocati perché in attesa di sistemazione sul mercato. Ma quella che scenderà in campo oggi sarà una squadra nuova, almeno nelle intenzioni del tecnico e nelle speranze dei tifosi, anche da lpunto di vista mentale ma soprattutto fisico, aspetto alquanto carente nella prima parte di stagione. «Ci siamo allenati molto e bene durante la sosta. Questo lavoro, nel girone di ritorno, ci deve portare vantaggi sotto l'aspetto dell'intensità e dell'esplosività, che ci possono portare a loro volta un calcio intenso e aggressivo».
Più corsa e più intensità e magari la mano del tecnico, ancora alla ricerca della prima vittoria sulla panchina della Sampdoria. Ma sul modulo Iachini non si sbilancia. «Le caratteristiche dei giocatori determinano il modulo. Premesso questo, è chiaro che ci stiamo portando avanti con il lavoro, perché questo è un gruppo che può interpretare diverse situazioni tattiche nel corso di una partita». Come a dire: «Non ve lo dico». Probabile comunque una difesa a tre con Volta, Rossini e Costa, vista l’indisponibilità di Gastaldello. Problemi anche negli altri reparti con Soriano ed Obiang acciaccati (lo spagnolo potrebbe però farcela e giocare dal primo minuto), Foggia squalificato e Pozzi non al meglio. Grande occasione, e forse ultima in chiave mercato, per Piovaccari, chiamato a dimostrare le sue doti e la sua voglia di Sampdoria dopo un avvio di stagione con più ombre che luci. Intanto è sempre più vicino l’arrivo del brasiliano Eder per cui siamo ai dettagli nella trattativa con il Cesena e l’Empoli, proprietaria del cartellino dell’attaccante. «E’ un giocatore interessante», glissa Iachini che lo ha già allenato a Brescia. Obbiettivo imprescindibile i tre punti, ma guai a sottovalutare il Varese. Troppe volte quest’anno, specie a Marassi, la Samp ha fallito l’appuntamento con la vittoria. «Noi dovremo scendere in campo concentrati e determinati per portare a casa il massimo», attacca Iachini che dovrà fare i conti anche con un altro, inaspettato, avversario. Confermata la mobilitazione della tifoseria della gradinata Sud che lascerà gli spalti vuoti per i primi due minuti in segno di protesta contro la società. Una tifoseria che vuole risposte concrete e non più parole. «Li capisco, vengono da un anno e mezzo di delusioni e bocconi amari -spiega Iachini- Sono sicuro che dopo i due minuti i tifosi faranno la loro parte e ci aiuteranno come hanno sempre fatto. Posso assicurare che stiamo lavorando al massimo per cambiare le cose in questa seconda parte del campionato».
Un nuovo campionato. Che per la Sampdoria non può che iniziare con tre punti contro il Varese. Per dare un segnale, per dimenticare l’orribile 2011. E per rincorrere l’obiettivo serie A.