La carica di Novellino

Walter Novellino non è un mago, ma in panchina riesce a dare ai suoi giocatori una carica particolare. La Sampdoria è una squadra appena appena discreta, come evidenziato dalla sconfitta patita a Marassi contro l’Empoli nella prima giornata e anche ieri al Meazza dove, di fronte a un’Inter confusionaria, non è riuscita ad approfittarne, trovando un bel regalo nel penalty su Flachi. Malgrado questo, i doriani in campo ci mettono l’anima, tirano fuori energie dagli angoli più nascosti e si battono su ogni palla come se fosse quella decisiva che può regalare lo scudetto (improbabile) o salvarli dalla retrocessione (più probabile). Il merito va al tecnico che fin da bambino tifava Inter e che avrebbe dato chissà che cosa per sedere sulla panchina di Mancini. Ma la realtà è un’altra, questa Samp non può fare solo conto sull’orgoglio e sulla forza fisica. Tecnicamente ha il solo Flachi, troppo poco per sperare di andare avanti.