Carifirenze, sì al piano 2008-2010

Il cda di Carifirenze (Intesa Sanpaolo) ha approvato il piano 2008-2010 nel processo d’integrazione nel gruppo Intesa. Questo prevede, tra l’altro, la confluenza di Carifirenze nel modello Banca dei territori di Intesa Sanpaolo con l’accorpamento in Carifirenze delle Casse del Centro e di 130 filiali di Intesa Sanpaolo. Carifirenze sarà banca leader nel Centro Italia e all’ottavo posto nel Paese con circa 900 sportelli. Al compimento dell’integrazione Carifirenze sarà - si legge nella nota - una banca leader nel Centro Italia e all’ottavo posto nel nostro Paese con circa 900 sportelli, rivestendo un ruolo chiave all’interno del gruppo Intesa Sanpaolo. Gli sportelli oggetto di cessione, in ottemperanza ai dettami Antitrust, saranno 29. In linea con quanto comunicato a fine luglio 2007, in occasione dell’acquisizione della banca, il piano di Carifirenze prevede sinergie - che non tengono conto della confluenza delle Casse del Centro né dei risparmi di costi legati alla cessione degli sportelli - per circa 180 milioni di euro a regime nel 2010. Nel 2008 non sono previste sinergie mentre nel 2009 ammonteranno a circa 70 milioni.