Cariparma parte favorita per Banca delle Marche

da Milano

Cariparma, la controllata italiana del Crédit Agricole, ha fatto un’offerta da 1,7 miliardi per rilevare il 51,9% di Banca delle Marche, messo in vendita dalle fondazioni proprietarie dell’istituto regionale. Lo scrive La Tribune senza rivelare le fonti.
Banca delle Marche, aggiunge il quotidiano francese, avvierà domani l’esame dell’offerta, insieme a quella presentata all’advisor Deutsche Bank dalla Banca Popolare dell’Emilia Romagna (Bper), di cui però non si conoscono i dettagli: è previsto infatti un incontro tra le fondazioni e gli advisor che presenteranno le valutazioni delle offerte.
Ma è probabile - sostiene sempre La Tribune - che Cariparma possa avere la meglio, considerata la capitalizzazione relativamente contenuta della Bper e il fatto che l’altro possibile pretendente forte, Intesa Sanpaolo, non intende trasformare in una quota di controllo il suo 7%, già detenuto nell’istituto marchigiano, e si sia quindi ritirata decisamente dalla gara.
Crédit Agricole non ha commentato l’indiscrezione, ma l’operazione - sottolinea La Tribune - ben si inserirebbe nella sua strategia di espansione in Italia.