La carità Pd coi soldi altrui

La Toscana da oggi confina anche con l’Etiopia, l’Eritrea, il Kenya e la Somalia. Come? Grazie ai 25mila euro che il governatore del Pd Enrico Rossi, ha deciso di stanziare per l’acquisto di set da cucina, zanzariere, teli di plastica, taniche per l’acqua, coperte e materassini. I destinatari del dono saranno i rifugiati ospiti del campo di Dadaab, in Kenya, vittime della carestia che colpisce il Corno d’Africa. Li ha pensati e decisi all’unanimità la giunta regionale della Toscana a favore dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati. «Si tratta di un atto dovuto, nella tradizione toscana di sostenere chi è in estrema difficoltà», ha detto Rossi. Più che altro un atto che fa davvero onore al governatore rosso, che con 300 milioni di euro di debiti raccattati, anche per «meriti» suoi, all’Asl 1 di Massa Carrara, trova addirittura il tempo (e i soldi dei contribuenti) per pensare al Corno d’Africa.